In tutta Italia

Dantedì: il 25 marzo l’Italia celebra Dante Alighieri. E c'è anche una app

Iniziò il suo viaggio ultraterreno con la discesa agli Inferi, proprio il 25 marzo 1300: a 700 anni dalla morte di Alighieri, tanti gli appuntamenti imperdibili. Anche online.

Dantedì: il 25 marzo l’Italia celebra Dante Alighieri. E c'è anche una app
Glocal news 25 Marzo 2021 ore 12:06

Dante, Firenze e la lingua fiorentina: un pacchetto culturale eterno e imprescindibile che non passa davvero mai di moda. Lo dimostra la grande attenzione che stanno ricevendo le celebrazioni del Sommo Poeta a 700 anni dalla sua morte.

Il 25 marzo 2021 cade il Dantedì, scopriamo di cosa si tratta. E per finire... a proposito di modernità, quale miglior modo di celebrare Alighieri che un'app?

Le celebrazioni del Dantedì

Giovedì 25 marzo è il Dantedì: la giornata espressamente dedicata al Sommo Poeta.

Per celebrarlo sono in programma molti eventi, tutti rigorosamente in streaming, in tutta Italia. Spicca nel ricco ventaglio il momento in cui Roberto Benigni leggerà un canto della Divina Commedia al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica.

E il giorno non è stato scelto a caso: secondo gli studiosi, Dante iniziò il suo viaggio ultraterreno con la discesa agli Inferi, proprio il 25 marzo 1300. In quel momento iniziò il suo vagare nell’aldilà descritto nella Divina Commedia.

Le modalità di accesso e il calendario completo degli eventi sono sul sito Internet dedicato al Dantedì dal Ministero dei Beni Culturali, con il programma completo ed aggiornato degli appuntamenti.

Gli appuntamenti nella sua Firenze

Come scrive Prima Firenze, intanto vi segnaliamo la app “Occhio della città intelligente”, che consente ai cittadini e ai turisti – normodotati, non vedenti e, ancora, ipovedenti – di aggirarsi in maniera del tutto autonoma per la città (si integra con i navigatori installati su smartphone).

Poi, sviluppata proprio nel periodo in cui ricorre il 700esimo anniversario dalla morte di Dante, c'è la app In Toscana con Dante, realizzata nell’ambito del progetto Dante o Tosco della Regione Toscana per promuovere la piena integrazione tra produzione di contenuti culturali e turismo. Presentata proprio in occasione del Dantedì, presto ne risentiremo sicuramente parlare.

Tanti gli appuntamenti per celebrare Dante, nella giornata di domani, nella sua Firenze, a partire dalla presentazione del restauro del cenotafio di Dante, opera dello scultore Stefano Ricci, inaugurato il 24 marzo del 1830 e realizzato con una sottoscrizione pubblica, simbolo della riconciliazione del Poeta con Firenze e dei valori unitari risorgimentali.

E ancora le terzine dantesche saranno protagoniste di una iniziativa social realizzata in collaborazione con la Dante Society of America e la New York University: si tratta di una Call to action che inviterà persone di tutto il mondo a recitare i brani preferiti della Commedia. L’evento si aprirà con un saluto in streaming da piazza Santa Croce a Firenze e dal Dante Park di New York nella serata del 25 marzo.

Sempre in occasione del Dantedì MUS.E e l’Ufficio UNESCO Patrimonio Mondiale del Comune di Firenze avvieranno i Percorsi Danteschi e l’Accademia della Crusca ha in programma l’apertura di una mostra documentaria sui rapporti tra la Crusca e Dante.

Oltre al Dantedì sono tantissimi gli appuntamenti fiorentini legati al ricordo del Poeta. Il sito 700dantefirenze raccoglie in calendario: oltre sessanta eventi, organizzati da trenta istituzioni fiorentine riunite nel comitato organizzatore coordinato dal Comune di Firenze con il supporto di MUS.E, e da una decina di partner di respiro nazionale e internazionale: QUI IL PROGRAMMA COMPLETO.

In Lombardia, Piemonte, Liguria e Veneto

A dimostrazione del fatto che Dante sia percepito come un patrimonio nazionale fioriscono iniziative ovunque.

Lombardia: Dantedì al Pirellone

Il Consiglio regionale della Lombardia organizza un evento intitolato “Dante e i Giovani: la musica rap parla di Dante” che avrà come protagonista Tedua, pseudonimo di Mario Molinari, artista e rapper tra i più influenti della nuova scena musicale italiana. Giovedì 25 alle ore 18.40 Tedua sarà ospite a Palazzo Pirelli nella suggestiva cornice del Belvedere Jannacci al 31° piano.

L’evento, che durerà circa 40 minuti, sarà trasmesso in diretta streaming senza presenza di pubblico: sarà possibile seguirlo dalla pagina Facebook del Consiglio regionale della Lombardia e sul sito www.consiglio.regione.lombardia.it. A conclusione dell’evento con Tedua, nella stessa serata di giovedì 25 marzo la facciata di Palazzo Pirelli sarà illuminata con la scritta “Dantedì”.

Piemonte

Numerosissimi gli eventi in agenda anche in Piemonte. Quindici convegni, due lezioni, una rassegna cinematografica, cinque eventi di letture o lecturae dantesche, tre mostre, tre iniziative destinate alle scuole e un game: i più influenti esperti di Dante al mondo, insieme a filosofi, giuristi, medici, fisici e studiosi di cinema e dei media, offriranno al pubblico un approccio multidisciplinare e trasversale all'analisi dell'opera di Dante. Questo il ricco programma dell'Università di Torino per il Dantedì, fruibile anche online

Veneto

Fra i tanti appuntamenti veneti spicca quello organizzato per domani dal Teatro Stabile del Veneto che ricorda il poeta con un evento online, o meglio, una web serie scritta e interpretata dagli allievi dell’Accademia Carlo Goldoni, parte del Modello Veneto TeSeO - Teatro Scuola e Occupazione, nato dall’accordo di programma tra la Regione Veneto e lo Stabile del Veneto con la partnership di Accademia Teatrale Veneta. Il tutto fruibile digitalmente.

Liguria

Anche Regione Liguria partecipa al Dantedì con l’incontro che si terrà, giovedì 25 marzo, alle 17, in Sala Trasparenza.

L’incontro realizzato con il coordinamento dell'assessorato regionale alla Cultura, la collaborazione di Università di Genova, Teatro Nazionale, Palazzo Ducale, Bug (Biblioteca Universitaria Genova) e Carige, partirà dalla specificità del lessico usato nella Commedia, con la partecipazione di Federico Sanguineti, filologo e dantista, ai primi posti delle classifiche con il suo libro sulle “Le parolacce di Dante”.

Chiuso al pubblico per limitazione dovute al Covid, l'evento sarà fruibile in diretta su Facebook di Regione Liguria e sui canali social di Teatro Nazionale di Genova, Palazzo Ducale, Università degli Studi di Genova, Biblioteca Universitaria e Carige.

LEGGI ANCHE:

Necrologie