DPI e sistema socio-sanitario: lettera del Presidente Guerra a Regione Lombardia

DPI e sistema socio-sanitario: lettera del Presidente Guerra a Regione Lombardia
26 Marzo 2020 ore 09:16

Comunicazione a seguito della richiesta da parte dei sindacati e del terzo settore

A seguito della lettera inviata ad Anci Lombardia e a Regione Lombardia da CGIL, CISL, UIL e della Portavoce del Forum del Terzo Settore, in merito alla mancanza di Disposivi di Protezione Individuale – DPI – e di un piano e canali efficaci per la loro distribuzione con particolare riferimento al sistema socio-sanitario, il Presidente di Anci Lombardia Mauro Guerra ha scritto al Presidente Regione Lombardia, Attilio Fontana, e agli assessori regionali al Welfare; alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità; alle politiche sociali, abitative e disabilità.

Nella lettera Guerra evidenzia che quelle sollevate sono “questioni che ANCI Lombardia ha continuamente sottolineato e posto in ogni occasione di interlocuzione e di confronto avuto con Regione Lombardia, a partire dalle videoconferenze tenute anche con i Sindaci dei Comuni capoluogo, come ieri. Da più parti viene sottolineata la drammatica ed estrema urgenza di procedere alla distribuzione e di avere un piano e canali definiti per la stessa. Al contempo ANCI Lombardia condivide la necessità di attivazione di una unità di crisi, di un luogo permanente di coordinamento, articolata anche in ciascuna ATS, che sia da riferimento per il settore socio-sanitario e sociale. Anche integrando e modificando la recente DGR del 23 marzo che, nel condiviso e da noi da sempre sollecitato intento di rafforzare e organizzare meglio la risposta territoriale e pre-ospedaliera all’epidemia, non prevede ad esempio un coinvolgimento adeguato dei Comuni, che costituiscono invece un presidio essenziale per l’efficacia di questa risposta territoriale”.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: