montagna

In Alta Val Masino i sentieri resi più sicuri

Diversi gli interventi decisi dall'Amministrazione Comunale.

In Alta Val Masino i sentieri resi più sicuri
Bassa Valle, 08 Agosto 2020 ore 12:25

Attenzione al territorio, sensibilità nei confronti della sicurezza, volontà di preservare un patrimonio storico e naturalistico di inestimabile valore: per l’Amministrazione comunale di Val Masino la manutenzione dei sentieri, quelli adatti a tutti e quelli storici percorsi solo dagli appassionati, è un impegno che si è concretizzato in una serie di azioni, come quella iniziata pochi giorni fa che ha interessato il mitico Sentiero Roma. Valli selvagge per escursioni avventurose durante le quali capita di vedere un gipeto volteggiare nel cielo, mete ambite per gli appassionati, centinaia ogni anno durante la stagione estiva.

Alta via oltre i 2500 metri di quota

Oltre i 2500 metri di quota, fra sentieri che s’inerpicano fra praterie e pietraie, c’è un universo che si apre allo sguardo attento che coglie quello che è oggi e ciò che era un secolo fa, quando a frequentare queste zone erano soltanto i pastori. L’alta via che collega Novate Mezzola alla Valmalenco non è per tutti, per percorrerla servono allenamento, esperienza e una buona guida: tra strapiombi e burroni catene, corde e un’appropriata segnaletica sono fondamentali. E non basta averli correttamente installati perché le basse temperature invernali e il vento gelido che soffia anche in estate, le valanghe e le frane causano un inevitabile deterioramento, per questo il monitoraggio e un’attenta manutenzione diventano fondamentali. ≪Un territorio curato è un biglietto da visita importante – spiega il sindaco Simone Songini – teniamo molto a questi sentieri e non solo per il richiamo turistico, sono parte della nostra storia, un patrimonio culturale da conservare. Insieme c’è la questione legata alla sicurezza: chi si avventura è preparato e spesso accompagnato da guide alpine della zona ma dobbiamo garantire le misure di sicurezza. Catene, corde e una corretta segnaletica rappresentano una garanzia: questi sono i primi interventi che abbiamo promosso nell’ambito di un progetto più ampio di manutenzione sistematica al fine di monitorare la sentieristica e rendere più sicura la montagna≫.

Manutenzione sistematica

L’Amministrazione comunale ha incaricato Daniele Fiorelli di Oltrelaverticale, esperta guida alpina e tecnico del Soccorso alpino, che ben conosce questi luoghi, per una manutenzione sistematica, la prima mai realizzata da anni. Fiorelli e i suoi collaboratori hanno controllato i punti di ancoraggio delle catene, verificandone lo stato e sostituendo le giunzioni usurate oppure montando delle corde per indicare il percorso più agevole, ad esempio al Passo Cameraccio. Dei sentieri meno utilizzati, quelli non collegati ai rifugi alpini, rimangono soltanto delle tracce, quindi risultavano difficili da individuare anche per gli escursionisti esperti: ora sono tracciati da bandelle bianche e rosse e segnati da ometti in pietra. Gli escursionisti esperti attrezzati, individuati dalla sigla “EEA”, che proveranno il Sentiero Roma troveranno un percorso attrezzato e segnalato e le migliori condizioni per vivere escursioni avventurose in un contesto ambientale straordinario, affrontando con la preparazione e l’equipaggiamento più adatti vie che i Melàt avevano aperto per necessità, per portare gli animali in quota.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia