Attualità
Tirano

Anche quest’anno esposto il drappo rosso in Municipio

In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Anche quest’anno esposto il drappo rosso in Municipio
Attualità Tiranese, 23 Novembre 2021 ore 06:30

In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne che ricorre il 25 novembre, l’amministrazione comunale di Tirano espone un drappo rosso a segnalare che la violenza sulle donne non smette purtroppo di essere "emergenza". In questa battaglia di civiltà anche i simboli sono importanti per sensibilizzare su un tema che continua ad essere in prima pagina nella cronaca nazionale, che non risparmia neppure la nostra provincia e che la pandemia ha fortemente aggravato. La violenza sulle donne infatti non è solo fisica, ci sono altre forme più subdole, come quella psicologica, che si manifesta come smania di possesso e di controllo ma anche quella economica che impedisce la piena autonomia delle donne. La violenza sulla donna è una questione culturale e di mentalità poiché fonda le sue radici nella cultura sessista e negli stereotipi, veicolati anche dai media, che vedono la donna relegata a un ruolo subalterno e ancora troppo spesso ridotta a puro oggetto del desiderio.

I dati

Ricordiamo che i dati nazionali della violenza sulle donne sono preoccupanti: il 31,5% delle donne ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Le forme più gravi di violenza sono esercitate da partner o ex partner, parenti o amici. Quasi il 60% dei femminicidi e il 62,7% degli stupri sono stati commessi da partner. La pandemia ha aggravato molto questa piaga: le chiamate al numero antiviolenza e stalking sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019 e nel 2021 questi numeri non accennano a diminuire segno che il fenomeno si fa sempre più emergenza. In Provincia di Sondrio, nel 2021 il Centro Anti Violenta "Il coraggio di Frida" ha ricevuto 88 richieste di aiuto da donne, 52 donne sono state assistite, 6 di loro sono state collocate in protezione.

Necrologie