Attualità
Tirano

Caccia, che tutto cambi perché nulla cambi

Il nuovo presidente del Comitato di gestione è Leonardo Caspani.

Caccia, che tutto cambi perché nulla cambi
Attualità Tiranese, 08 Aprile 2022 ore 06:00

Il nuovo presidente del Comitato di gestione caccia di Tirano, eletto nella riunione dello scorso 23 marzo, è Leonardo Caspani, vicepresidente Luigino Negri. In pratica poco cambia rispetto alla lunghissima gestione di Giuliano De Piazzi (ora Associazione cinofila), si tratta di un membro dell’Associazione nazionale Libera caccia, mentre il vicepresidente, per un’incongruenza mai del tutto chiarita, è rappresentante del Cai. Qualcosa però è effettivamente cambiato. L’ingresso di Alan Delle Coste, sindaco di Bianzone, e iscritto all’Associazione cacciatori valtellinesi, come rappresentante della Comunità montana di Tirano, quello di Mathias Negri sempre dell’Associazione cacciatori valtellinesi (e candidato perdente alla presidenza) e la conferma di Amerino Pirola, sempre Acv, ma come rappresentante della Provincia di Sondrio, forniscono una certa forza al gruppo che in questi anni più ha tentato di cambiare le regole della caccia nel Tiranese e nell’intera Valtellina. Vediamo la cronistoria della serata. Il rappresentante della Provincia Pirola ha chiesto ai presenti chi aveva intenzione di candidarsi alla carica di presidente. Il rappresentante dell’Associazione Libera caccia Caspani ha subito presentato la propria candidatura rendendosi disponibile a rispondere ad eventuali domande da parte dei presenti. Ha precisato inoltre che qualora fosse stato eletto avrebbe svolto l’incarico con "massima disponibilità verso tutti, con la massima trasparenza, condividendo tutte le scelte gestionali e programmatiche con i componenti del Comitato di gestione".

Il voto

Il rappresentante dell’Associazione cacciatori valtellinesi Negri, concordando su quanto espresso da Caspani, ha ritenuto doveroso ed opportuno verso gli associati che rappresenta una sua candidatura, evidenziando comunque la sua disponibilità a collaborare fattivamente qualsiasi fosse il risultato della votazione. Il rappresentante della Provincia ha chiesto al candidato presidente Caspani le sue intenzioni rispetto al fatto di recuperare un minimo di rapporto collaborativo con l’ente Provincia e gli uffici faunistici. Caspani dando la propria disponibilità a quanto richiesto, ha posto qualche dubbio rispetto ai contenuti del Piano faunistico e allo studio di incidenza dello stesso, a suo avviso andrebbero rivisti in alcuni passaggi. Vando Fanchi, altro rappresentante Libera caccia, ha ritenuto doveroso ringraziare il presidente uscente De Piazzi per l’impegno e la dedizione dimostrata negli anni in cui ha ricoperto la carica di presidente. Alle parole di Fanchi sono seguiti i ringraziamenti a De Piazzi da parte del rappresentante della Provincia Amerino Pirola, quello della Comunità montana Delle Coste e di tutti i consiglieri. Delle Coste rivolgendosi poi ai due candidati presidenti ha ricordato loro che il ruolo presuppone dedizione e impegno ma anche importanti responsabilità, per questo, li ha ringraziati della disponibilità alla candidatura. Infine il rappresentante delle Associazioni agricole Gian Michele Sassella ha auspicato che il clima delle riunioni di Comitato sia disteso e costruttivo oltre che propositivo. Infine il voto. Caspani ha preso 8 voti, Negri 1. La sensazione è che poco cambi. Il consiglio si è congratulato all’unanimità con il presidente. A questo punto il rappresentante della Provincia Pirola ha passato la parola al nuovo presidente. Caspani ha ringraziato il presidente uscente De Piazzi, Negri e tutti i componenti il Comitato di gestione. Infine ha proposto come vicepresidente il rappresentante delle Associazioni Ambientaliste Luigino Negri, "per la sua grande esperienza e conoscenza delle tematiche gestionali". Con 6 voti e 6 schede bianche Negri è risultato eletto. Il vicepresidente Luigino Negri ha ringraziato i consiglieri, mettendosi a disposizione del Comitato come garante di un funzionamento imparziale e trasparente dello stesso.

Incarichi

Qui i primi contrasti. Il presidente Caspani si è reso subito disponibile a chiedere la disponibilità per l’incarico di revisore legale al dottor Mirco Bonaso, nonostante l’età avanzata, già revisore legale nel precedente Comitato e grande conoscitore delle "dinamiche" del Comprensorio Alpino. Il rappresentante della Comunità montana di Tirano Delle Coste ha invece chiesto che la scelta fosse orientata a favore di professionisti attivi sul mercato del lavoro da preferire rispetto ad altri soggetti in previsione di pensionamento o già percettori di pensione. Ma visto che la maggioranza era favorevole alla scelta si è delegato il presidente Caspani a chiedere la disponibilità ed un preventivo a Bonaso... Riguardo il nodo tecnico faunistico, altro problema non di poco conto, il presidente Caspani ha proposto di chiedere la disponibilità per questo incarico al dottor Alessandro Calende, anche lui già tecnico faunistico nel precedente Comitato. Qui il rappresentante della Cm Delle Coste ha detto che i risultati derivanti dall’applicazione delle scelte del tecnico sono visibili solo dopo alcuni anni e solo dopo aver perseguito tali scelte per più anni; quindi ha chiesto che l’incarico sia prorogabile per più anni. Ma il presidente ha precisato che nel suo primo anno di mandato preferisce che gli incarichi siano annuali per poter meglio monitorare l’operato dei tecnici, attribuendo compensi proporzionati al lavoro svolto. Alla fine la maggioranza ha scelto di chiedere un preventivo proprio a Calende. Segretaria confermata Paola Stazzonelli.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie