Menu
Cerca
Controllo del territorio

Celebrazione annuale della fondazione dell'Arma a Sondrio, i Carabinieri fanno un bilancio degli ultimi 12 mesi

A Sondrio la celebrazione per il 207° Annuale della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Celebrazione annuale della fondazione dell'Arma a Sondrio, i Carabinieri fanno un bilancio degli ultimi 12 mesi
Attualità Sondrio, 05 Giugno 2021 ore 13:16

Anche quest’anno, il 5 giugno l’Arma dei Carabinieri celebra l’annuale dalla sua fondazione che va ricercato nel lontano 13 luglio 1814. Come lo scorso anno, le celebrazioni sono ridotte al minimo nel rispetto della normativa vigente e per limitare al massimo la contemporanea presenza di più persone.

Celebrazioni a Sondrio

Alle ore 10.00 del 05 giugno 2021 presso la caserma di largo Sertoli, il Prefetto della Provincia di Sondrio, dott. Salvatore Pasquariello, ed il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Sondrio, Col. Emanuele De Ciuceis, hanno deposto una corona d’alloro alla stele che ricorda il Ten. Col. Edoardo Alessi, decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare, in memoria dei tanti caduti della Benemerita.

Bilancio

Ma la festa dell’Arma è anche il momento di tracciare un bilancio dell’attività svolta dai Carabinieri in provincia di Sondrio negli ultimi 12 mesi.

Tante le chiamate

È continuato in maniera significativa ed in diverse modalità il supporto fornito alla popolazione, sia nei momenti più bui che in quelli più “sereni”, con tanti piccoli grandi gesti di vicinanza ed aiuto. Le 19 Stazioni Carabinieri disseminate su tutto il territorio provinciale, da Livigno a Villa di Chiavenna, hanno saputo rivestire efficacemente quel ruolo sociale che da sempre le contraddistingue: presidio dello Stato a tutela e supporto del cittadino. Innumerevoli le chiamate ai centralini delle caserme più grandi od al telefono di quelle dei centri urbani più piccoli per chiarimenti ed informazioni su come comportarsi alla luce dei provvedimenti normativi che si sono susseguiti negli ultimi 12 mesi.

Ma val la pena ricordare anche gesti più concreti e tangibili come il letto donato da un Comandante di Stazione ad un’anziana signora 82enne che dormiva da sola su un divano od il soccorso prestato da un carabiniere libero dal servizio al guidatore di un’auto rimasta schiacciata da un grosso sasso lungo la Strada Provinciale 8, che collega Morbegno a Bema (SO).

Riguardo l’attività di polizia giudiziaria, nel periodo compreso tra il 1° giugno 2020 ed il 31 maggio 2021 sono stati perseguiti, da tutte le Forze di Polizia in provincia di Sondrio 3.561 delitti, di questi 3.217 sono stati perseguiti dall’Arma dei Carabinieri, ovvero quasi il 90% del totale.

Controllo del territorio

Incessante, nonostante i periodi di lockdown, l’attività preventiva di controllo e di presidio del territorio svolta dagli uomini e dalle donne della Benemerita; a dimostrarlo i dati, di molto superiori rispetto al precedente periodo di riferimento (01/06/2019 – 31/05/2020): aumentati di circa il 30% i servizi esterni effettuati in provincia che hanno superato quota 12.000, con una media di quasi 33 servizi al giorno, nel corso dei quali sono state controllate 64.312 persone (+15,6%) e 50.930 veicoli (+18,5%) mentre 313 le pattuglie appiedate del carabiniere di quartiere nel capoluogo.

Sempre in ottica preventiva, sono state 40 le proposte per l’applicazione di misure di prevenzione avanzate dai reparti dell’Arma della provincia, dall’avviso orale al foglio di via obbligatorio alla sorveglianza speciale.
In chiave repressiva, quasi 1.500 le persone deferite in stato di arresto ed in stato di libertà.

Operazioni più salienti

Tra le operazioni più salienti ricordiamo l’arresto di 6 cittadini georgiani a Bolzano, Livorno e Bologna per furti perpetrati nel Nord Italia da parte dei militari della Compagnia di Tirano. Le indagini sono partite da un grosso furto ad una gioielleria di Livigno ed hanno permesso di attribuire ai 6 diversi furti, nonostante adottassero le più svariate tecniche per passare inosservati, anche quando si facevano consegnare le pizze a domicilio.

Altra operazione di rilievo è stata quella della Compagnia di Sondrio che ha permesso di smantellare una zona di spaccio nei boschi della Val Tartano con l’arresto di una persona e l’esecuzione di una misura cautelare dell’obbligo di dimora a carico di 19 soggetti accusati di aver favorito l’attività illecita in cambio di dosi di droga. I 19 si prestano a fornire quanto necessario agli spacciatori per rimanere nell’ombra dei boschi, come vettovaglie, materiale per il confezionamento della droga, batterie e powerbank per cellulari ecc.

Le indagini permisero anche di arrivare all’arresto di ulteriori 4 persone insospettabili di Berbenno che a loro volta, dopo essersi riforniti dagli extracomunitari nei boschi, rivendevano la droga a soggetti del posto.

Lotta alla droga

La lotta alla diffusione della droga, soprattutto tra i giovani ed i giovanissimi, resta un obiettivo primario ed il riscontro delle attività svolte sono i circa 2 kg di droga sequestrata – dall’eroina alla cocaina, dall’hashish alla marijuana – più di 110 le persone arrestate o denunciate e 118 le segnalazioni alle prefetture di residenza.

Reparti speciali

La festa dell’Arma è anche l’occasione per ricordare l’attività svolta dai Reparti Speciali che operano in provincia.

Sicurezza sui luoghi di lavoro

Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Sondrio anche negli ultimi 12 mesi è stato particolarmente impegnato nella verifica delle condizioni di lavoro. Numerosissimi i controlli effettuati e non sono mancate le contestazioni per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, problematica sempre attuale che l’Arma affida a militari specializzati e dedicati in via esclusiva alla delicata e complessa materia.

Carabinieri forestali

Il comparto Carabinieri Forestali, con le articolazioni del Comando Provinciale di Sondrio e del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dello Stelvio, si è distinto nella vigilanza sulla sicurezza ambientale con costanti controlli e non sono mancate contestazioni e sequestri, sia per quanto attiene l’irregolare gestione dei rifiuti che la salvaguardia del demanio ambientale e del territorio.
L’occasione è propizia anche per ricordare il prezioso servizio METEOMONT per la sicurezza in montagna.

Necrologie