lutto

Commemorazione di Natale Contini in apertura della seduta consiliare

Presidente Fermi: “Protagonista intelligente e appassionato ha contribuito a dare un significativo impulso alla vita dell’Assemblea legislativa di quegli anni”

Commemorazione di Natale Contini in apertura della seduta consiliare
Attualità 13 Luglio 2021 ore 16:13

Una storia fatta di lavoro, impegno sindacale e poi politico, amore per sua città e la sua Valle e passione per i prodotti della sua terra. Si potrebbe sintetizzare così la vita di Natale Contini, ex consigliere regionale, recentemente scomparso e oggi ricordato con un minuto di silenzio dall’Assemblea lombarda, in apertura della seduta odierna.

Natale Contini

 

Consigliere regionale nella seconda legislatura, Natale Contini viene riconfermato anche nella terza e nella quarta legislatura nelle file del Partito Comunista Italiano, per poi aderire nel corso della quarta legislatura consiliare al gruppo del Partito Socialista Italiano.

“Protagonista intelligente e appassionato, con grandi capacità organizzative unite ad una conoscenza profonda dei problemi del lavoro, ha dato un significativo contributo alla vita dell’Assemblea legislativa di quegli anni – ha ricordato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Fermi-. Chi lo conosceva ne mette in risalto il tratto signorile, la correttezza con gli avversari politici e l’attenzione costante alla risoluzione dei problemi, le cose da fare erano la sua priorità, sia in quest’Aula che a livello locale”.

 

Nato a Sondrio nel 1940 da una famiglia di operai, a soli 14 anni viene assunto in un cotonificio della zona. L’esperienza diretta in fabbrica fa nascere in lui un vivo interesse per i diritti dei lavoratori. Iscritto alla Cgil, nel 1960 diventa funzionario sindacale. Nel sindacato assumerà diverse e importati responsabilità: Segretario provinciale del Sindacato lavoratori Elettrici, dal 1965 al 1967 è Segretario Generale della Camera del lavoro di Chiavenna e dal 1967 al 1975 è Segretario Generale della Camera del Lavoro di Sondrio; poi le cariche nell’INAIL provinciale e dal 1971 al 1975 è presidente dell’INAM (Istituto nazionale per l'assicurazione contro le malattie), Istituto previdenziale scioltosi a fine Anni ‘70.

Prima di entrare nel 1975 in Consiglio regionale è stato, dal 1964 al 1970, Consigliere comunale di Sondrio.

Nel privato, si dedicava con passione alla valorizzazione dell’enogastronomia lombarda, in particolare dei vini. Sommelier lui stesso, delegato AIS (Associazione Italiana Sommelier) di Sondrio e vicepresidente regionale, Contini ha ricoperto la carica di vicedirettore delle riviste associative "AIS Lombardia News" e "L'Arcante" per più 10 anni, oltre che ad avere scritto il libro “L'Italia dei vini DOCG” e curato per diversi anni la Guida ViniPlus Lombardia.

“Natale Contini lascia la moglie Rosalinda, le figlie Claudia, Enrica e Sonia, quest’ultima è anche dipendente del Consiglio Regionale; a tutte loro, e a chi gli ha voluto bene, va il cordoglio della nostra Assemblea”, ha ricordato il Presidente Fermi prima di chiedere ai consiglieri di dedicare un minuto di silenzio alla sua memoria.

 

Necrologie