Menu
Cerca
Produrre un cambiamento

Dalla Valtellina collaborazione e coesione per vincere la sfida delle Olimpiadi 2026

Spiega l'assessore Massimo Sertori: "Questa grande sfida parte da un assunto, l'intera provincia di Sondrio è territorio olimpico, e ci vedrà gareggiare su più fronti: riqualificazione della ricettività per un target più elevato, crescita della cultura dell'accoglienza e della coesione, sviluppo di una comunicazione innovativa e unitaria".

Dalla Valtellina collaborazione e coesione per vincere la sfida delle Olimpiadi 2026
Attualità 21 Maggio 2021 ore 16:07

Le Olimpiadi invernali del 2026 rappresentano un'opportunità straordinaria da tradurre in benefici durevoli per il territorio, una sfida che è già iniziata e che, per essere vinta, richiede un impegno corale, oltre a determinazione e passione.

Per questo motivo l'assessore regionale agli Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, accompagnato da Sergio Schena, consigliere di amministrazione della Fondazione Milano Cortina 2026 e dal Presidente della Provincia di Sondrio, Elio Moretti, nelle ultime settimane ha incontrato gli amministratori della provincia di Sondrio per presentare le Olimpiadi e per mettere in comune riflessioni, idee e aspirazioni. Numerose erano già stati gli incontri con i sindaci dell'Alta Valle, ora sono stati coinvolti anche i restanti sindaci e assessori dei comuni dei singoli mandamenti.

LEGGI ANCHE: Le Associazioni dell’Alta Valtellina si presentano unite al Comitato Organizzatore dei Giochi

Incontri con il territorio

Quattro incontri, coordinati dalle rispettive Comunità montane, che si sono tenuti nelle sedi delle Comunità Montane di Tirano, Sondrio, Morbegno e della Valchiavenna, tutti molto partecipati. E due i temi più sentiti: la riqualificazione della ricettività e la promozione del territorio. Allo stesso modo importanti per il presente e per il futuro, per le Olimpiadi e per quello che sarà la Valtellina dopo il 2026.

Commenta l'assessore Massimo Sertori:

"Durante gli incontri nei vari comprensori ho riscontrato il grande interesse e la volontà di avere un ruolo in vista delle Olimpiadi: un atteggiamento propositivo che rappresenta il presupposto per costruire progetti e iniziative, concretizzando le tante idee che mi sono state sottoposte". "Siamo all'inizio di un percorso - continua Sertori - ma non possiamo perdere tempo perché cinque anni per un evento di tale portata trascorrono velocemente e dovremo quindi essere pragmatici nella valutazione e nella selezione delle azioni da intraprendere. Conosco la lungimiranza e l'intraprendenza dei valtellinesi e anche durante questi incontri ne ho avuto prova: sono certo che collaborazione e coesione guideranno le nostre scelte per cogliere questa straordinaria opportunità".

 

 

Produrre un cambiamento

 

Il consigliere della Fondazione Schena ha spiegato che servono progetti sostenibili e soprattutto una chiara direzione, condivisa da tutti, una nuova coesione territoriale, perché l'Olimpiade riguarda tutto il territorio e la Valtellina che uscirà dalle Olimpiadi dovrà essere diversa: più attrattiva e più competitiva ma anche più consapevole del proprio valore.

"Tutto - ribadisce Schena - dipende da noi, perché è il territorio a decidere, progettare e realizzare e nulla viene calato dall'alto. Come ho detto durante gli incontri i numeri e le esperienze delle precedenti edizioni delle Olimpiadi, e Torino è l'esempio più vicino a noi, dimostrano come i risultati possono essere straordinari in termini di ricadute sulla reputazione territoriale, sulle competenze locali, sulla governance e sull'organizzazione dello sport".

"Le Olimpiadi - sottolinea Schena - sono in grado di produrre un cambiamento, di innescare una marcia diversa, traendo linfa da un'esperienza unica nel suo genere e partendo dalle infrastrutture e dall'indotto che potranno generare".

Grande sfida

 

"Questa grande sfida - rimarca l'assessore Sertori - parte da un assunto, l'intera provincia di Sondrio è territorio olimpico, e ci vedrà gareggiare su più fronti: riqualificazione della ricettività per un target più elevato, crescita della cultura dell'accoglienza e della coesione, sviluppo di una comunicazione innovativa e unitaria. Ma, alla base di tutto, vi è la necessità di riconoscersi nella denominazione Valtellina, che significa tutta la valle, oltre le località che ospiteranno le gare: un territorio reso riconoscibile dalle sue caratteristiche peculiari che diventano i suoi punti di forza. Fare leva sull'affidabilità nell'organizzazione di grandi eventi e sull'eccellenza del distretto agroalimentare diventa quindi la strategia”.

Tecnologiche e sostenibili

"Saranno Olimpiadi - conclude Sertori - tecnologiche e sostenibili, in termini economici e ambientali, con un impatto sulla Lombardia che uno studio dell'Università Bocconi ha stimato in 3 milioni di arrivi, 1 milione per la provincia di Sondrio. Un'opportunità straordinaria, una sfida che vogliamo e possiamo vincere".

Necrologie