Attualità
una cosa terribile

Dopo il covid ha perso per sempre gusto e olfatto, la testimonianza di Luca

Il racconto del 18enne che dopo aver contratto la malattia senza sintomi, dalla sera alla mattina ha perso i due sensi

Dopo il covid ha perso per sempre gusto e olfatto, la testimonianza di Luca
Attualità 21 Novembre 2021 ore 09:09

Per sua sfortuna, Luca Ronzoni è il miglior spot esistente dell’importanza dei vaccini anti-Covid.

Terribile

Perché se ci fossero stati sin da subito, la sua vita oggi sarebbe quella di un normalissimo ragazzo di 18 anni (quasi 19) alle prese con l’ultimo anno di superiori. Invece, scrive Andrea Rossetti su PrimaBergamo.it, lui il Covid se l’è preso e gli ha cambiato la vita, probabilmente per sempre.

Dal 7 marzo 2020 non sente più né odori né sapori. Zero. Niente. «È una cosa terribile», dice. Ed è difficile dargli torto.

Senza sintomi

Giovane, sano, in forma, Luca prese il Covid proprio nei giorni in cui la pandemia colpì con maggior violenza. Praticamente non se ne accorse: niente febbre, niente dolori muscolari, neppure tosse. «Semplicemente, dalla sera alla mattina mi sparirono gusto e olfatto».

E da allora…

«Da allora non sono più tornati».

È difficile anche solo immaginare cosa significhi.

«Immagina di tapparti il naso e mangiare. Più o meno è quello che provo io».

Ti è sparito anche l’appetito?

«Definirlo appetito è eccessivo… Mangiare mangio, ma per puro spirito di sopravvivenza. Certo non lo faccio più con piacere. Non riesco praticamente più a mangiare cibi “molli”, ad esempio. Non so, le lasagne. Mi nauseano. La pasta me la faccio sempre al dente, almeno “sento” che sto mangiando qualcosa».

Quando ti sei accorto che qualcosa non andava?

«All’inizio pensavo che gli effetti fossero quelli di un raffreddore forte. Mi hanno spiegato che la perdita di gusto e olfatto era un classico sintomo del Covid. Peccato che, neppure dopo settimane, fosse cambiato qualcosa».

Ti sei rivolto a uno specialista?

«Prima al medico di base. Che però non ha potuto aiutarmi granché. Ho fatto diverse visite e poi mi sono rivolto a un neurologo, che mi ha spiegato come non fossi il primo a constatare un persistere di questi sintomi, anche a due o tre mesi dal contagio».

Diede una risposta alle tue domande?

«Non proprio. Constatò soltanto una lesione neurologica causata dal Covid. E mi disse che la mia è permanente».

Permanente?

«Sì. Non sentirò mai più un odore o un sapore».

Necrologie