Attualità
Bianzone

La Locanda Altavilla nel prestigioso «club» delle Premiate Trattorie Italiane

Importante riconoscimento per il locale storico di Anna Bertola che promuove i prodotti del territorio.

La Locanda Altavilla nel prestigioso «club» delle Premiate Trattorie Italiane
Attualità Tiranese, 19 Ottobre 2022 ore 05:29

Un «club» esclusivo che, fino a qualche giorno fa, comprendeva soltanto 13 locali in tutta la Penisola. Dallo scorso weekend sono diventati 17 con la cerimonia di ammissione che ha riguardato anche la Locanda Altavilla di Bianzone. E’ «Premiate Trattorie Italiane», idea nata da tre ristoratori di Friuli, Emilia Romagna re Liguria. E che ora, grazie ad Anna Bertola e al suo locale, si allarga anche in Valtellina.

La Locanda Altavilla nel prestigioso «club» delle Premiate Trattorie Italiane

«Sono lusingata di essere stata ammessa - racconta la ristoratrice valtellinese - Si entra in questo gruppo dopo che qualcuno ti segnala. Quindi segue una visita di valutazione che serve per verificare se i parametri per l’ammissione ci siano davvero. E quindi è un onore essere scelti. Inoltre, si entra a far parte di un gruppo unito, dove c’è grande collaborazione e uno scambio di idee».

Una sorta di club che mette paletti precisi prima di decretare l’ammissione di un nuovo locale. In primo luogo la trattoria deve essere storica, vale a dire «premiata dal tempo». E poi deve avere come caratteristica quella di valorizzare i prodotti della zona in cui si trova. Che è quello che ha fatto Anna Bertola anche nei giorni scorsi alla cerimonia durata due giorni sulla Costiera Amalfitana.

«Erano previste due serate in altrettante location di pregio, Villa Angelina e il ristorante Lo Stuzzichino - racconta - A noi era stato affidato il compito di predisporre l’antipasto la prima sera e il primo piatto la seconda. Così abbiamo offerto ai presenti il Bitto Storico Ribelle con la bresaola della Macelleria Storica di Tirano e il pane di segale di Bresesti di San Giacomo; mentre la sera dopo abbiamo preparato le manfrigole».

Seguici sui nostri canali
Necrologie