Attualità
L'iniziativa

La Provincia rilancia il Bonus trasporti per studenti universitari

Era stato sospeso con la pandemia, ora viene ripristinato dopo la ripresa delle attività in presenza.

La Provincia rilancia il Bonus trasporti per studenti universitari
Attualità Sondrio, 12 Gennaio 2023 ore 16:43

Torna il Bonus trasporti per gli studenti universitari. Si tratta di un'agevolazione che viene erogata dalla Provincia ai ragazzi e alle ragazze che frequentano le università. Lo ha annunciato oggi, giovedì 12 gennaio 2023, il presidente Elio Moretti.

La Provincia rilancia il Bonus trasporti per studenti universitari

"Con la ripresa di tutte le attività in presenza da parte di tutte le facoltà universitarie - afferma Moretti - la Provincia di Sondrio conferma il proprio sostegno agli studenti ed alle loro famiglie, anche per quanto riguarda le trasferte verso le sedi accademiche.

Riprende infatti l’iniziativa Bonus trasporti già attuata fino all’avvento della pandemia Covid, che consente agli universitari di avere un contributo concreto per abbattere i costi, in costante aumento dovuto al conflitto ucraino, per i viaggi di andata e ritorno dalle città dove frequentano i corsi.

Anche questo intervento si inquadra tra le iniziative della Provincia destinate ad accrescere il valore del capitale umano delle giovani generazioni, affinché siano sempre più preparate ad affrontare il mondo del lavoro ad abbiano sempre maggiori possibilità di raggiungere una qualificazione pari alle loro capacità".

"La Provincia investe sul futuro"

Moretti prosegue: "L’Amministrazione Provinciale investe con convinzione sul futuro degli studenti che affrontano, con il sostegno delle loro famiglie, sacrifici maggiori rispetto ai residenti in altre province che ospitano sedi universitarie.

Ciò con la speranza che anche le imprese della provincia facciano altrettanto per consentire loro, una volta laureati, di restare nei luoghi di origine, offendo un lavoro che possa soddisfare le legittime ambizioni di chi ha affrontato un selettivo percorso accademico, al fine di evitare la fuga dei cervelli dalla Valtellina e Valchiavenna e “regalare” ad altri territori il frutto e l’impegno di questi ragazzi".

Seguici sui nostri canali
Necrologie