Attualità
Turismo

La Regione finanzia il progetto "Di-Vino" di Sondrio e Castione

Un itinerario lungo il versante retico per scoprire le tradizioni e le bellezze del territorio.

La Regione finanzia il progetto "Di-Vino" di Sondrio e Castione
Attualità Sondrio, 24 Novembre 2021 ore 07:05

La natura e l'enogastronomia, la storia e la religione, Sondrio e Castione: nel progetto "Percorso Di-Vino" ci sono le tradizioni e le bellezze del territorio a comporre un itinerario che si snoda lungo il versante retico, in una rete organizzata di percorsi, con l'obiettivo di completarla e arricchirla. L'iniziativa congiunta dei due comuni è stata premiata dalla Regione Lombardia sul bando "Viaggio in Lombardia" con un contributo di 67.200 euro che serviranno principalmente per sistemare il percorso, illuminarlo, dotarlo di segnaletica e promuoverlo. Un primo, fondamentale passo.

La soddisfazione di Canovi e Franchetti per il progetto "Di-Vino"

"Siamo molto soddisfatti per il positivo esito di questo bando, che ci consente di valorizzare un luogo molto caro ai nostri cittadini e al tempo stesso di ampliare l'offerta turistica della nostra città - è il commento dell'assessore alle Attività produttive e agli Eventi Francesca Canovi -. È un altro tassello delle linee programmatiche che come Amministrazione comunale abbiamo definito per migliorare l'attrattività di Sondrio e che potremo concretizzare grazie ai fondi ottenuti con questo bando di cui ringraziamo Regione Lombardia".

"L'aver potuto accedere a questo finanziamento ci soddisfa in particolar modo - sottolinea il sindaco di Castione Andevenno Massimiliano Franchetti -, in quanto amplia le già intense collaborazioni tra i due comuni e, in questo caso, nella valorizzazione di un patrimonio condiviso tra i due enti, già interessato, per quanto riguarda Castione, da attività di promozione e valorizzazione, primo fra tutti il Parco delle incisioni rupestri della Ganda, in fase di ultimazione".

Tanti i motivi d'interesse sul percorso "Di-Vino"

Il Santuario, le incisioni rupestri di cui è disseminato tutto il versante interessato dal progetto, i terrazzamenti vitati, le cantine, il Sassella, gli antichi torchi e le cappelle fino alla palestra di roccia: Sondrio e Castione si uniscono in un percorso che presenta molti motivi di interesse sia per i residenti che per i turisti. Nel "Percorso Di-Vino" sono tanti gli elementi di attrazione e diverse le esperienze proposte per un turismo dolce che trova nella tradizione e nella natura i suoi tratti dominanti.

Necrologie