Menu
Cerca
dalla prefettura

La situazione dell'immigrazione in Provincia di Sondrio

Martedì 18 maggio si è riunito il Consiglio Territoriale dell’Immigrazione.

La situazione dell'immigrazione in Provincia di Sondrio
Attualità 19 Maggio 2021 ore 13:35

Martedì 18 maggio si è tenuta una riunione in videoconferenza del Consiglio Territoriale dell’Immigrazione a cui hanno partecipato rappresentanti delle Istituzioni, della Forze dell'Ordine, dei sindacati, Croce Rossa, delle associazioni e Cooperative impegnate in Provincia di Sondrio.

Consiglio Territoriale dell’Immigrazione

In apertura il Prefetto di Sondrio Salvatore Pasquariello ha rammentato l’importanza di rivitalizzare lo strumento del Consiglio Territoriale dell’Immigrazione, a seguito del graduale superamento dell’emergenza epidemiologica ed il conseguente progressivo ritorno alla normalità, vera cartina di tornasole delle necessità degli stranieri presenti sul territorio provinciale.

Dati

È poi intervenuto il Viceprefetto Aggiunto dott. Bruno Togno, Dirigente dell’Area IV della Prefettura di Sondrio – Tutela dei Diritti Civili, Immigrazione e Cittadinanza, che ha fornito alcuni dati sull’andamento della procedura di emersione, approvata con decreto legge n. 34 del 2020.

Nello specifico, ha evidenziato che le istanze presentate sono state 389 e 177 di esse sono state già definite positivamente, mentre 32 sono state rigettate; attualmente sono ancora in fase di istruttoria 180 pratiche.
In seguito ha fornito anche i dati delle istanze di ricongiungimento familiare.

Nel 2020 sono state presentate 348 domande e 268 di esse sono state accolte, mentre ne sono state rigettate 18; attualmente sono ancora in fase di istruttoria 62 pratiche. Nei primi 5 mesi del 2021, invece, sono state presentate 30 istanze di ricongiungimento familiare e 3 sono state accolte mentre 27 sono in valutazione.

A termine dell’intervento il Prefetto e il Dirigente prefettizio hanno ringraziato anche gli altri componenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione, ossia il dott. Faustino Bertolini della Questura di Sondrio e la dott.ssa Milva Ruttico dell’Ispettorato del Lavoro; Amministrazioni con le quali nel corso degli anni si è consolidato un eccellente rapporto di collaborazione.

Progetto “V.I.R. – Valle in Rete”

Successivamente è intervenuto il dott. Umberto Sorrentino, referente per la Prefettura di Sondrio del progetto FAMI, dal titolo “V.I.R. – Valle in Rete” (Obiettivo Specifico 2 Integrazione/Migrazione legale – Obiettivo Nazionale 2.3 Capacity Building). Dopo aver illustrato le motivazioni alla base della presentazione da parte della Prefettura del progetto, per il quale la Prefettura stessa è Ente capofila, ha lasciato la parola ai partner Cooperativa Altra Via e Anolf/CISL che ne hanno spiegato nel dettaglio le finalità.

Nello specifico, il progetto si prefigge di potenziare alcuni punti informativi presenti sul territorio provinciale affinché gli stranieri possano trovare un luogo di orientamento per le loro esigenze e necessità. Inoltre, prevede delle ore di formazione per le Amministrazioni pubbliche che potranno avvalersi dell’opera di esperti per formare il proprio personale.

Ulteriore elemento di pregio è dato dalla messa a disposizione di una risorsa umana che opererà in Prefettura 15 ore a settimana per 15 mesi e fornirà un prezioso supporto allo Sportello Unico per l’Immigrazione, compiendo un’opera di mediazione ed informazione in favore dei cittadini stranieri.

Criticità

Dopo gli interventi si è aperto un dibattito tra i presenti dal quale sono emerse diverse criticità, tutte legate alla necessità di fornire una formazione maggiore ai cittadini stranieri, i quali, spesso, anche di fronte ad attività considerate del tutto semplici dagli italiani, si trovano in forte difficoltà (ad esempio, rapportarsi con le Pubbliche Amministrazioni, richiedere documenti, conoscere e comprendere i propri diritti e i propri doveri, etc…).

Necrologie