Attualità
Sondalo

La strada dell’autonomia passa dalla Fondazione

Partecipato incontro giovedì sera con i primi cittadini sul Morelli.

La strada dell’autonomia passa dalla Fondazione
Attualità Alta Valle, 22 Novembre 2021 ore 06:30

I sindaci dell’Alta Valle giovedì hanno presentato il frutto dello studio condotto negli ultimi due anni con il professore Francesco Florian, riguardo l'individuazione del modello di gestione autonoma dell'Ospedale Morelli, da sottoporre a Regione Lombardia, anche alla luce della revisione in atto della Legge 23 "Evoluzione del Sistema Sociosanitario Lombardo". L’ente più idoneo che prende forma è la Fondazione, soggetto gestore di un sistema complesso di architettura di sanità di montagna, con uno statuto uguale solo a sé stesso.

Florian

Così Florian. "Col termine Fondazione si intende sicuramente un ente senza scopo di lucro, capace di coinvolgere pubblico e privato, di aprirsi all’esterno perché non sia calato dall’alto ma che accompagni il territorio nei bisogni e li risolva, calibrato sulla realtà, con uno statuto le cui regole potrebbero servire per casi analoghi, nei territori di riferimento e circostanti; con questo meccanismo riusciamo a portare storia, tradizione, territorio, innovazione, apertura, in un unico contesto a beneficio di tutti".

No alla protesta

I sindaci hanno dato riscontro negativo a un incontro e alla partecipazione alla manifestazione di sabato 20 novembre, a Bormio, indetta dal neonato Movimento per l’Autonomia del Morelli. "Per coerenza della nostra azione politica, stiamo lavorando da tempo con Florian e Marco Vitale, forse puntiamo al medesimo obiettivo ma abbiamo deciso di intraprendere strade diverse, anche per alcune modalità di rapportarsi con noi da parte dei rappresentanti del Movimento che ci accusano di immobilismo, di sudditanza a Regione Lombardia, venendo meno al rispetto delle istituzioni, per cui non c’è alcuno stimolo a cercare di collaborare. La nostra è una proposta importante, frutto del correre dietro alle criticità che sussistono al Morelli nonostante il ripristino delle alte specialità".

Necrologie