Attualità
attenzione alle esigenze di cittadini e imprese

 L’Associazione “Insieme per la Popolare” torna in campo

In agenda l’Assemblea dei Soci e iniziative sul territorio.

 L’Associazione “Insieme per la Popolare” torna in campo
Attualità 07 Dicembre 2022 ore 12:19

Prosegue l’attività di “Insieme per la Popolare”, Associazione nata per consentire ai piccoli azionisti della Banca Popolare di Sondrio di condividere una nuova realtà, generata dalla trasformazione dell’istituto di credito da Società Cooperativa in Società per Azioni.

Passaggio storico

Passaggio storico avvenuto poco meno di un anno fa. Nella giornata di lunedì 5 dicembre, nella sede dell’Unione Commercio e Turismo della provincia di Sondrio, si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’Associazione. Importante momento di confronto che fra l’altro ha consentito di delineare le prossime attività e strategie future. Primo passo importante, l’Assemblea di “Insieme per la Popolare” che si terrà entro fine gennaio 2023.

Ad oggi tale iniziativa spontanea della Comunità del mondo economico e di tanti cittadini, ha superato le 1.300 adesioni e un peso importante in termini di “rappresentanza azionaria”. Ma l’obiettivo, ribadito dal Consiglio di Amministrazione, è quello di estendere la base sociale attraverso una serie di iniziative sul territorio che vedranno la luce nella prima parte del 2023.

Legame tra banca e territorio

Lo stretto legame tra banca e territorio, l’attenzione alle esigenze di cittadini e imprese, sono temi centrali per l’Associazione “Insieme per la Popolare”, soprattutto in un periodo economico delicato come quello che stiamo attraversando.

"L’importanza delle Banche di comunità è sempre stata evidente per le piccole e medie imprese e per il credito private, specialmente in un tessuto sociale diffuso come il nostro - dichiara il Presidente Matteo Lorenzo De Campo – non possiamo e non dobbiamo rassegnarci a perdere questa ricchezza costruita in decenni: le Banche di comunità sono un motore fondamentale dello sviluppo economico locale e della ricchezza diffusa e non possiamo non partecipare attivamente al loro processo di sviluppo".

Seguici sui nostri canali
Necrologie