Personaggio

Livigno e Trepalle consacrano don Mauro

Ordinato sacerdote a Como, è stato festeggiato dalla comunità pastorale.

Livigno e Trepalle consacrano don Mauro
Attualità Alta Valle, 17 Giugno 2021 ore 07:00

Don Mauro Confortola, 34 anni, ordinato sacerdote a Como, è stato festeggiato dalla comunità pastorale di Livigno e Trepalle, da cui proviene, in un’intera intensa settimana.

Dopo 25 anni

Dopo 25 anni dall’ultimo sacerdote, don Natalino Pedrana. Adorazione, canti, preghiere, la gente si è preparata spiritualmente da mercoledì 2 giugno con don Simone Piani. Poi il triduo di riflessioni: martedì 8 (il prete, l’uomo della parola, con don Alberto Erba), mercoledì 9 (il prete, l’uomo dell’eucarestia, con don Andrea Cusini che lo ha seguito nel cammino da prete) e giovedì 10 (il prete, l’uomo della carità, con don Natalino Pedrana).

Sabato 12 il grande momento. Circa 80 devoti dal Piccolo Tibet sono scesi a Como in pullman per l’ordinazione; 12 i pellegrini guidati dal coadiutore livignasco don Rocco Nesossi, hanno camminato una settimana da Motta di Madesimo, patria di don Stefano Bianchi, mancato un anno fa a Livigno dove operava.

Cerimonia

Tra i presenti, il gruppo dell’Oratorio (guidato da Alda Buzzetti, originaria di Chiavenna) di cui don Mauro è stato vicepresidente. Finita la cerimonia, il rientro alle 18 al passo del Foscagno, dove i coscritti lo hanno sdoganato col consueto rito; don Mauro ha guidato un pullman (nella vita aveva fatto anche l’autista di bus e gatti delle nevi) facendo soste fino a raggiungere il sagrato della chiesa di S. Maria a Livigno alle 20.30. Tre i discorsi di accoglienza: da Quinto Bormolini (consiglio pastorale); dal sindaco Damiano Bormolini e da Buzzetti (oratorio) seguito da Federico Cusini e Miryam Confortola.

I volontari dell’Oratorio hanno allestito la chiesa; i canti dei ragazzi di Nuovi Orizzonti di Como, con cui l’oratorio ha instaurato amicizie e collaborazioni. Domenica mattina, dalla casa di via Domenion del novello sacerdote, la banda ha guidato il corteo fino alla piazza, dove davanti a 500 persone ha celebrato la sua prima messa. Poi gli spettacoli.

Necrologie