Menu
Cerca
Problema ancestrale

Lupo in Valtellina: “Necessario individuare strategie a difesa delle attività agricole”

Uncem Lombardia interviene sulla problematica rappresentata dalla presenza del predatore sulle montagna lombarde.

Lupo in Valtellina: “Necessario individuare strategie a difesa delle attività agricole”
Attualità 12 Maggio 2021 ore 13:27

 

 

“La presenza del lupo in Val Fontana, testimoniata dalle carcasse di alcune pecore rinvenute nei giorni scorsi, ripropone la questione della convivenza tra le attività agricole e i grandi predatori anche nei nostri territori”, dichiara Tiziano Maffezzini, che, oltre a essere sindaco del Comune di Chiuro, è presidente di Uncem Lombardia.

LEGGI ANCHE: Lupo in Valtellina: "Serve l’apertura di un tavolo operativo"

Problema ancestrale

Maffezzini aggiunge:

“Si tratta di un problema ancestrale, di una questione complessa che deve essere affrontata con soluzioni strutturate. L’aumento della presenza dei grandi predatori nelle nostre montagne è un dato di fatto: il fenomeno deve essere tenuto sotto stretto controllo con interventi e prassi da consolidare nel tempo e che possano portare un beneficio di lungo periodo sia per l’ecosistema, sia per gli allevatori. Una vera attività di prevenzione dei possibili danni agli allevamenti e alle persone è la strategia da perseguire. La priorità deve essere quella di tutelare le persone che abitano e che lavorano in montagna, perché è grazie al lavoro quotidiano di allevatori e agricoltori che questi territori continuano a vivere”.

Serve equilibrio

Avviare una “caccia al lupo” sarebbe inutile e controproducente, ma lo è ancor di più confinare gli allevatori e le greggi in ambiti prestabiliti o recinti impossibili in maggenghi ed alpeggi. Occorre allora trovare un equilibrio che contemperi l’azione positiva e meritevole dell’uomo che vive, produce e conserva l’ambiente agricolo montano, già fortemente compromesso, e la presenza dei grandi predatori.

Soluzione di concerto

Maffezzini offre la possibilità di trovare una soluzione di concerto, che preveda un ascolto da parte delle istituzioni, delle ragioni di agricoltori e allevatori, e una successiva attivazione di misure volte a controllare e contenere la problematica.

“Il lupo, come del resto gli altri grandi predatori come l’orso, percorre grandi distanze in pochissimo tempo. Potrebbe essere quindi proficuo coinvolgere i rappresentanti di un’area più vasta, rispetto a quella del caso specifico, ovvero quella alpina e prealpina. A questo proposito, nei prossimi giorni avvieremo un confronto che, grazie al supporto di UNCEM nazionale, coinvolgerà i rappresentanti degli enti montani del nord Italia, finalizzato ad individuare soluzioni condivise per la gestione di questi temi, valutando anche come viene gestita la convivenza tra agricoltura ed animali selvatici negli altri paesi dell’arco alpino”.

Necrologie