Attualità
dopo il lockdown

Natale, il 51% dei consumatori sceglie i “mercatini”: e a Sondrio trionfa la solidarietà

Sabato 11 e sabato 18 dicembre iniziative al Mercato Coperto di piazzale Bertacchi a sostegno della Piccola Opera di Traona. Due aperture straordinarie mercoledì 22 e mercoledì 29 dicembre

Attualità 07 Dicembre 2021 ore 14:56

Oltre la metà degli italiani (51%) frequenta quest’anno per lo shopping i tradizionali mercatini di Natale che tornano nelle piazze italiane dopo il lockdown dello scorso anno a causa della pandemia Covid. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixè per le festivita’ di fine anno 2021 dalla quale si evidenzia che a partire dal weekend prima dell’Immacolata si moltiplicano le iniziative, dalla fiera degli Oh bej oh bej a Milano a quelli, altrettanto caratteristici, in montagna fino a quelli a km zero degli agricoltori di Campagna Amica aperti in molte città: non manca Sondrio, che ha in previsione iniziative e appuntamenti straordinari in vista delle festività.

 

A sostegno della Piccola Opera di Traona

Anche quest’anno, per Coldiretti Sondrio, il Natale sarà solidale a sostegno della Piccola Opera di Traona, con i produttori dell’organizzazione agricola e di Campagna Amica impegnati a sostegno della comunità che si occupa di tutela delle donne e dei minori in difficoltà.

In particolare, l’appuntamento è fissato per sabato 11 e sabato 18 dicembre quando, presso il Mercato Coperto di Campagna Amica a Sondrio, in piazzale Bertacchi, saranno in vendita panettoni, stelle di Natale, prodotti da forno, ciclamini, bottiglie di vino e candele profumate in cera d’api. Quanti non avessero possibilità di recarsi all’AgriMercato, possono prenotarli presso la segreteria della Coldiretti interprovinciale.

Due aperture straordinarie

Due aperture straordinarie, di mercoledì, per rifornirsi a dovere di quanto necessario per preparare pranzi e cenoni di rito. I produttori di Campagna Amica Sondrio danno appuntamento al Mercato Coperto per due aperture straordinarie il 22 e il 29 dicembre, di mercoledì. Si è così deciso di anticipare gli appuntamenti del sabato successivo, considerando che il Santo Natale e Capodanno, quest’anno, cadono di sabato (e, in occasione dei due giorni di festa, la struttura resterà chiusa).

Mercatini e turismo

I mercatini natalizi sono sempre più meta di una “vacanza breve” che – sottolinea la Coldiretti – unisce il relax all’aria aperta con la possibilità di fare acquisti di curiosità e novità ad originalità garantita, per sfuggire alle solite offerte standardizzate nell’acquisto dei regali per se stessi e per gli altri nei rispetto delle norme di sicurezza entrate in vigore in molte località. Tra quanti frequenteranno i mercatini solo il 7% infatti non farà alcun acquisto mentre la maggioranza (51%) spenderà in prodotti enogastronomici che rappresentano l’acquisto piu’ gettonato anche se molti scelgono decori natalizi, prodotti per la casa, oggetti artigianali, capi di abbigliamento e giocattoli, secondo Coldiretti/Ixe’.

Il week end prima dell’Immacolata ha visto numeri importanti (in alcuni casi da tutto esaurito) in Valtellina e Valchiavenna, ed è stato per molti italiani una occasione per lo shopping natalizio alla ricerca dei regali da mettere sotto l’albero che è irrinunciabile per l’85% delle famiglie italiane. Se la maggioranza recupera quello sintetico dalla cantina, L’albero naturale di Natale trova spazio quest’anno nelle case di quasi 3 milioni di famiglie per una spesa media di 44 euro, per conciliare il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente.

La maggiore sensibilità ambientale e l’attenzione al territorio – continua la Coldiretti – premia tra gli acquisti di Natale l’enogastronomia anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola. La migliore garanzia sull’originalità dei prodotti alimentari in vendita nei mercati è quella della presenza personale del produttore agricolo che – sottolinea la Coldiretti – può offrire informazioni diretta sul luogo di produzione e sui metodi utilizzati.

Un fenomeno che è sostenuto in Italia dalla presenza della rete dei mercati degli agricoltori di Campagna Amica alla quale fanno riferimento oltre mille mercati dove è possibile acquistare senza intermediazione direttamente dai produttori cibi locali a chilometri zero che – conclude la Coldiretti – non devono essere trasportati da migliaia di chilometri di distanza e garantiscono maggiore freschezza.

Necrologie