Attualità
disagio economico

Sondrio, buoni spesa: domande entro il 10 dicembre

Ci si può rivolgere al Comune, alla Croce Rossa italiana o alle Parrocchie di Sondrio.

Sondrio, buoni spesa: domande entro il 10 dicembre
Attualità Sondrio, 06 Dicembre 2021 ore 07:27

Da un minimo di 150 a un massimo di 300 euro, a seconda del numero dei componenti, il buono spesa erogato dal Comune di Sondrio risponde a bisogni reali manifestati dalle famiglie quale conseguenza dell'emergenza sanitaria. Le domande per ottenerlo devono essere presentate entro il 10 dicembre al Comune oppure anche alla Croce Rossa Italiana o alle Parrocchie, con le quali è stata promossa l'iniziativa. Il buono spesa una tantum per l'acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità potrà essere erogato a cittadini o a nuclei familiari residenti a Sondrio in difficoltà a causa degli effetti prodotti dalla pandemia.

Rispondere al disagio economico

≪Con questa azione - spiega il vice sindaco e assessore ai Servizi sociali Lorenzo Grillo Della Berta (in foto) - forniamo una risposta puntuale alle persone che vivono in una situazione di disagio economico.

La sinergia con la Croce Rossa e le Parrocchie ci consente di raggiungere in maniera più capillare chi si trova in questa condizione e di aiutarlo nella presentazione della domanda. Spesso, infatti, vi sono cittadini che pur avendone il diritto non avanzano richiesta per ottenere un contributo economico che consentirebbe loro di superare un eventuale momento di difficoltà. Invitiamo quindi chi si trova in questa situazione a cogliere l'opportunità del buono spesa≫.

Per fare domanda

Il modulo da compilare può essere scaricato dal sito internet www.comune.sondrio.it o ritirato alla bacheca posta all'ingresso dell'Ufficio interventi sociali, in via Perego 1, presso la sede temporanea della Croce Rossa Italiana alla Piastra o presso le Parrocchie dei santi Gervasio e Protasio e della Beata Vergine del Rosario. Il valore del buono spesa varia a seconda della composizione del nucleo familiare: 150 euro per il primo componente elevato di 50 euro per ogni altro componente fino ad un massimo di 300.

Necrologie