Attualità
coldiretti

Sostenibilità e sviluppo agricolo: passare dalla carta ai fatti, “anche a Sondrio tema primario”

Marchesini: “Occorre sostenere il sogno imprenditoriale dei giovani che vogliono investire il proprio futuro nelle campagne. Tutela del suolo agricolo è sempre stata una priorità in Valtellina e Valchiavenna”

Sostenibilità e sviluppo agricolo: passare  dalla carta ai fatti, “anche a Sondrio tema primario”
Attualità 23 Settembre 2021 ore 13:52

Sostenibilità economica delle aziende agricole, sviluppo delle aree rurali, difesa della proprietà intellettuale, rispetto dei diritti dei lavoratori, tutela delle biodiversità, contrasto ai cambiamenti climatici e lotta allo spreco e alla fame sono alcuni degli importanti impegni assunti al G20 dell’agricoltura conclusosi nei giorni scorsi a Firenze.

Libera dalla concorrenza sleale e dal peso della burocrazia

“Occorre sostenere il sogno imprenditoriale di una parte importante della nostra generazione che mai come adesso vuole investire il proprio futuro nelle campagne anche in un territorio, quello valtellinese e chiavennasco, che da secoli si è trovato a dover preservare e difendere i campi agricoli incastonato tra i versanti montani, pure essi terrazzati per guadagnare spazio all’attività rurale: per questo l’agricoltura va liberata dalla concorrenza sleale e dal peso della burocrazia che impedisce anche il pieno ed efficace utilizzo delle risorse a disposizione del settore” rimarca il presidente di Coldiretti Sondrio Silvia Marchesini nel sottolineare che investire in agricoltura significa investire sul futuro per affrontare le sfide legate ad una popolazione globale che continua a crescere.

Sostenibilità

 

“La parola sostenibilità rischia di diventare uno slogan se non si traduce in precisi impegni da parte di tutti i Paesi che fanno parte del G20” rimarca il presidente Marchesini nel ricordare che “ad oggi il mancato rispetto dei principi di sostenibilità ha consentito ad alcuni Paesi del G20 come la Cina di mettere a segno tassi di crescita da record”.

E’ necessario che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri, garantendo che dietro gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali ci sia un analogo percorso di qualità che riguarda l’ambiente, il lavoro e la salute.

“Non si può parlare si sostenibilità se – conclude Marchesini - non si mette fine al furto di terra fertile ai danni dell’agricoltura nei Paesi ricchi e in quelli poveri ma anche se non si ferma il furto di identità in atto nei confronti dei prodotti alimentari Made in Italy con i falsi dei Paesi del G20 che rubano all’Italia 100 miliardi di euro e fanno perdere 300mila posti di lavoro”.

Prima in Europa

 

L’agricoltura italiana non è solo prima in Europa per valore aggiunto ma è anche la più green e sostenibile e può contare – riferisce la Coldiretti – il primato indiscusso per la qualità alimentare con 316 specialità Dop/Igp/Stg, compresi grandi formaggi, salumi e prosciutti, riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5266 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con circa 80mila operatori biologici. E l’Italia è anche leader nella biodiversità ma può anche contare sulla rete di vendita diretta degli agricoltori più estesa del mondo grazie alla Fondazione Campagna Amica che ha sempre continuato a garantire prodotti sani, genuini e a chilometri zero alla popolazione.

Necrologie