Attualità
Vaccinazioni

Terza dose, al via le somministrazioni per 4500 valtellinesi e valchiavennaschi

Ecco chi sono le persone fragili interessate e come devono fare a prenotarsi.

Terza dose, al via le somministrazioni per 4500 valtellinesi e valchiavennaschi
Attualità Sondrio, 21 Settembre 2021 ore 08:29

A partire da ieri, lunedì 20 settembre 2021, ha preso il via, anche nel territorio dell’ATS della Montagna, la somministrazione della terza dose di vaccino. Si inizia dai soggetti ad alto rischio che in Valle sono circa 4500. Vi sono, infatti, evidenze che i pazienti sottoposti a trapianto di organo o con compromissione della risposta immunitaria a causa della malattia di base o di terapie farmacologiche che hanno già completato il ciclo vaccinale primario, mostrano un significativo beneficio, in termini di risposta immunitaria, a seguito della somministrazione di una dose aggiuntiva di vaccino, da effettuarsi a distanza di almeno 28 giorni dall’ultima dose. I vaccini in uso per la terza dose, indipendentemente da quello somministrato nel ciclo di base sono Pfizer (Comirnaty) o Moderna (Spikevax).

Terza dose, ecco chi sono le persone interessate

Dal 20 settembre, quindi, tutti i pazienti immunodepressi che hanno completato il ciclo vaccinale presso i centri vaccinali del territorio possono prenotare tramite il portale prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it, cliccando nella sezione Terza dose – “Cittadini trapiantati e immunocompromessi”, oppure tramite il proprio Medico curante o la farmacia di fiducia. La vaccinazione sarà effettuata nelle date e orari resi disponibili dai Centri vaccinali presenti sul territorio di ATS Montagna, in sede di prenotazione.

Si tratta di persone che rientrano nelle seguenti categorie: trapianto d’organo solido in terapia immunosoppressiva; trapianto di cellule staminali ematopoietiche (entro 2 anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva per malattia del trapianto contro l’ospite cronica); attesa di trapianto d’organo; terapie a base di cellule T esprimenti un Recettore Chimerico Antigenico (cellule CART); patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure; immunodeficienze primitive (es. sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune variabile etc.); immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (es: terapia corticosteroidea ad alto dosaggio protratta nel tempo, farmaci immunosoppressori, farmaci biologici con rilevante impatto sulla funzionalità del sistema immunitario etc.); dialisi e insufficienza renale cronica grave; pregressa splenectomia;
sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) con conta dei linfociti T CD4+ < 200cellule/μl o sulla base di giudizio clinico.

Gli assistiti che hanno già ricevuto la convocazione da parte dei Presidi Ospedalieri, non devono effettuare alcuna prenotazione sul portale.

Necrologie