in chiesa

Cambia la Liturgia della Messa: le novità

A partire da domenica 29 novembre.

Cambia la Liturgia della Messa: le novità
22 Novembre 2020 ore 15:11

Addio alle vecchie formule durante la Messa. Dal 29 novembre 2020 nuove parole entreranno a far parte della Liturgia.

Nuove formule

Come riportano i colleghi di Prima La Riviera, è un “passaggio” che avrà inizio il 29 novembre 2020 e che terminerà il 4 aprile del 2021 quando diventerà obbligatorio utilizzare il nuovo Messale. Era dal 1983 che parroci, frati e sacerdoti di tutta Italia utilizzavano l’attuale formula durante la Messa.

Dopo il “via libera” di papa Francesco, il cardinale presidente Gualtiero Bassetti ha promulgato il libro l’8 settembre 2019. E lo scorso 29 agosto la prima copia è stata donata al Pontefice.

La maggior parte delle variazioni riguarda le formule proprie del sacerdote. Sarà necessario fare l’orecchio alle modifiche. Già nei riti di introduzione dovremmo abituarci a un verbo al plurale: «siano». Non sentiremo più «La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti voi», ma «La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi».

Non più solo “fratelli” ma anche “sorelle”

È stato rivisto anche l’atto penitenziale con un’aggiunta “inclusiva”: accanto al vocabolo «fratelli» ci sarà «sorelle». Ecco che diremo: «Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle…». Poi: «E supplico la beata sempre Vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli e sorelle…».

Invocazioni in greco

Inoltre il nuovo Messale privilegerà le invocazioni in greco «Kýrie, eléison» e «Christe, eléison» sull’italiano «Signore, pietà» e «Cristo, pietà». Si arriva al Gloria che avrà la nuova formulazione «pace in terra agli uomini, amati dal Signore». Una revisione che sostituisce gli «uomini di buona volontà» e che vuole essere più fedele all’originale greco del Vangelo.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia