Cronaca
contagio

Coronavirus, i contagiati in Valtellina salgono a 422

I dati aggiornati a domenica 29 marzo 2020.

Coronavirus, i contagiati in Valtellina salgono a 422
Cronaca 30 Marzo 2020 ore 09:51

Aumentano di 34 unità i contagiati da Coronavirus in provincia di Sondrio, che sono ora complessivamente 422. Sono questi i dati riportati dalla conferenza stampa della Regione Lombardia di ieri, domenica 29 marzo 2020.

Coronavirus, i dati del territorio

 

E' calata la crescita del contagio nella nostra provincia anche se rimane costante: rispetto ai dati forniti dall'ATS nella giornata di sabato e riferiti a venerdì 27 marzo, infatti, l’incremento dei pazienti registrato è di 34 unità (in totale sono 422 i contagiati). Complessivamente, in Lombardia, i contagiati sono saliti a 41.007 (+1592), i ricoverati 11.613 (+461), i pazienti in terapia intensiva 1.328 (+9). Aumentano i dimessi, che sono  9255 (+293), purtroppo anche i decessi, giunti a 6.360 (+416).

Crescono i decessi

“Una pugnalata”. Così l’assessore al Welfare Giulio Gallera ha definito il dato, drammatico, della crescita dei pazienti deceduti in regione. Un dato che tuttavia ha anche una spiegazione “tecnica”. “In base alle indicazioni degli esperti, questo dato sarà l’ultimo a migliorare. Quando migliorerà significherà che saremo davvero vicini all’uscita dal tunnel, perché un paziente prima di arrivare al decesso passa ovviamente dal contagio, dal ricovero e quindi dalla terapia intensiva”.

Cambieremo le nostre abitudini

Ad analizzare con precisione i dati è stato quest’oggi Danilo Cereda della direzione generale Welfare di Regione Lombardia, che ha posto l’accento sull’utilità degli interventi restrittivi attualmente in corso per contenere il contagio. “Dopo gli interventi di chiusura il numero di casi diventa meno esponenziale e molto più stabile. Significa che stanno arrivando i primi risultati. Le chiusure nella prima zona rossa, quella di Lodi, ci stanno portando a una riduzione pressoché totale dei contagi” ha spiegato. “E’ evidente che da qui ai prossimi mesi dovremo cambiare le nostre abitudini per un numero elevato di mesi. Probabilmente inizieremo a uscire, ma dovremo farlo indossando sempre la mascherina” ha quindi spiegato l’assessore Gallera.

Mappa fornita da SETE Srl

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie