Cronaca
allerta virus

Coronavirus in Lombardia: sale a 16 il numero dei contagiati. Un uomo è deceduto in Veneto

Regione Lombardia ha disposto l'isolamento in 9 paesi del Lodigiano.

Coronavirus in Lombardia: sale a 16 il numero dei contagiati. Un uomo è deceduto in Veneto
Cronaca 22 Febbraio 2020 ore 07:23

Continua a salire i numero di persone contagiate dal Coronavirus in Lombardia. Nell’arco di poche ore, dopo la conferenza stampa tenutasi in Regione Lombardia alle 17.30, i contagiati dal virus sono saliti, in Lombardia, a 16. Di queste ultime, 5 sono medici. Il nuovo positivo al virus è un paziente ricoverato da qualche giorno all'ospedale di Cremona. Al momento inItalia sono 20 i casi accertati, compreso il 78enne morto ieri sera in Veneto.

Nel mondo i morti sono 2252, i contagi 77270, 18898 le persone guarite

Paesi isolati

Regione Lombardia ha disposto l’isolamento in 9 paesi del Lodigiano. Ecco quali sono:

  1. Codogno 
  2. Casalpusterlengo 
  3. Maleo 
  4. Fombio
  5. Somaglia 
  6. Castiglione d’Adda 
  7. Bertonico
  8. Castelgerundo  
  9. Terranova dei Passerini

A Codogno sono stati chiusi locali e bar. A Casalpusterlengo chiuse scuole e nidi fino a martedì, mentre Castiglione d’Adda ha disposto la chiusura delle scuole fino al 25 febbraio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: sintomi, indicazioni e comportamenti da seguire

Coronavirus in Lombardia

Il primo caso, come ormai è noto, è un 38enne di Codogno (Lodi), presentatosi ieri all’ospedale locale per una forte crisi respiratoria. Ricoverato in terapia intensiva, le sue condizioni sono gravissime. Il secondo paziente è la moglie del 38enne, incinta. Le sue condizioni sono state al momento definite «positive». Il terzo caso è poi un uomo della stessa città che fa sport con il 38enne e che si è presentato in ospedale perché presentava sintomi da polmonite. Il “paziente zero” sarebbe un collega dell’uomo in condizioni gravissime che recentemente è stato in Cina: i due hanno cenato insieme pochi giorni fa e lì ci sarebbe stato il contagio. Quest’ultimo è stato individuato e posto in isolamento all’ospedale Sacco di Milano, sebbene al momento non presenti alcun sintomo del virus.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: primo caso in Lombardia

“Restate a casa”

AGGIORNAMENTO DELLE 14: L’assessore al Welfare ha spiegato che ci sono altri tre casi sempre in Lombardia.

«Sono sei i casi di positività al coronavirus – ha detto Gallera -. Stiamo indagando, sono tre persone che si sono presentate con quadro clinico di polmonite all’ospedale di Codogno, stiamo cercando di capire se ci sono stati contatti con i primi tre casi». Gallera ha poi invitato i cittadini di Codogno e di Castiglione d’Adda a restare a casa a scopo precauzionale. Lo stesso invito è stato fatto anche ai cittadini di Casalpusterlengo, il paese in cui lavora il 38enne. «Sono stati già effettuati tutti gli accertamenti diagnostici necessari sullo staff medico e sanitario dell’ospedale di Codogno», ha affermato l’assessore, precisando che sono circa 250 le persone in isolamento a cui verrà fatto il tampone per capire se sono state o meno contagiate.

Seguici sui nostri canali
Necrologie