L'emergenza

Covid-19: al Morelli aperto un nuovo reparto. Da lunedì altri 10 decessi

I ricoverati sono 181, 36 in gravi condizioni. Saporito: "Non siamo riusciti a evitare a causa dei comportamenti generali gli stessi effetti dell'emergenza sanitaria di aprile".

Covid-19: al Morelli aperto un nuovo reparto. Da lunedì altri 10 decessi
Alta Valle, 18 Novembre 2020 ore 15:47

Oggi, mercoledì 18 novembre 2020, è stato aperto un nuovo reparto covid-19 all’Ospedale Morelli, con dieci posti letto, nella Chirurgia generale, al secondo piano del quarto padiglione: è il sesto adibito alla cura di questi malati, ai quali si aggiungono i due moduli della Terapia intensiva, per un totale di 14 posti, tutti occupati, e i reparti Obi, Osservazione breve intensiva, presso gli Ospedali di Sondrio, Sondalo e Chiavenna che accolgono i pazienti in attesa di essere trasferiti.

LEGGI ANCHE: Lockdown, Fontana: “Abbiamo numeri da zona arancione”

Covid-19, il nuovo reparto e la pressione sul Morelli

L’apertura del nuovo reparto ha consentito di ridurre la presenza negli Obi, ma la pressione sulla rete ospedaliera rimane forte. I pazienti covid-19 ricoverati sono in totale 181, cinque in più rispetto a due giorni fa, 52 dei quali arrivati da lunedì. Il numero varia di ora in ora come è confermato dal costante arrivo di ambulanze. Tra i ricoverati, oltre ai 14 in Terapia intensiva ce ne sono 22 in sub intensiva per un totale di 36 pazienti che versano in gravi condizioni. Sempre da lunedì a questa mattina alle 10 si sono registrati nove decessi, che si vanno ad aggiungere ai 29 di novembre per arrivare a 38 in poco più di due settimane. Se si considera la seconda ondata, a partire da metà settembre, il totale è di 58 decessi. Le nove persone decedute, cinque donne e quattro uomini, sono nate cinque nati negli anni Trenta, uno negli anni Quaranta e tre negli anni Cinquanta.

Saporito: “Siamo vicinissimi ai numeri di aprile”

“Ormai siamo vicinissimi ai numeri di aprile, quando avevamo riscontrato il picco della pandemia – spiega il direttore generale Tommaso Saporito – Ma allora non avevamo piena coscienza degli effetti dell’emergenza sanitaria, mentre oggi, pur essendone consapevoli, a causa dei comportamenti generali, non siamo riusciti a evitarlo. L’alto numero di ricoveri, una ventina ogni giorno, e i decessi dovrebbero far riflettere. Per fermare la diffusione del contagio c’è un solo modo: proteggersi adottando le misure consigliate. Se aumentano i positivi cresce anche il numero dei pazienti che necessitano di cure ospedaliere quindi i rischi per loro e la pressione sul sistema sanitario”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia