La fede

Da sabato il santuario della Sassella sarà aperto nei fine settimana

Da sabato le visite e il 18 maggio la recita del Rosario.

Da sabato il santuario della Sassella sarà aperto nei fine settimana
Cronaca Sondrio, 29 Aprile 2021 ore 07:47

Il santuario diocesano di Santa Maria della Sassella, Porta della Misericordia, eretto dal vescovo di Como, monsignor Oscar Cantoni, con la solenne celebrazione del 25 marzo scorso, potrà tornare ad accogliere fedeli, pellegrini e visitatori di scoprire la chiesetta millenaria alle porte della città di Sondrio.

Santuario della Sassella, sabato la riapertura

Nei giorni scorsi l’arciprete di Sondrio, don Christian Bricola, ha incontrato il nutrito gruppo di volontari – una trentina – che si sono resi disponibili ad assicurare l’apertura e la custodia della chiesa che, con la ricchezza di opere d’arte che contiene, deve essere sempre presidiata.

Il santuario della Sassella sarà dunque aperto ogni sabato, sia al mattino che al pomeriggio, e domenica, solamente il pomeriggio, del mese di maggio. Si comincia già l'1 maggio 2021: i volontari assicureranno la possibilità di raggiungere e visitare la chiesa dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Domenica 2 maggio l’apertura sarà poi nuovamente dalle 15.00 alle 18.00. Gli orari si ripeteranno poi identici nei successivi fine settimana.

Martedì 18 la recita del Rosario alla Sassella

Ci sarà poi una sera del mese – martedì 18 maggio – in cui la preghiera mariana del rosario, che i sacerdoti della Comunità pastorale guideranno in diversi quartieri e zone della città per raggiungere quante più famiglie possibili, sarà proposta dalla chiesa della Sassella. In quell’occasione, le persone più anziane potranno trovare posto all’interno del santuario, mentre gli altri fedeli troveranno posto sull’ampio piazzale all’esterno.

A partire dalla seconda settimana di maggio, poi, quanti vorranno raggiungere a piedi il santuario percorrendo il caratteristico sentiero tra i vigneti, potranno affrontare quello che avrebbe dovuto essere il percorso del sacro monte pensato all’inizio del XVIII secolo e rimasto incompiuto. Partendo dalla cappella della Madonna della Rocca, all’inizio di via Bassi, poco dopo l’incrocio con via De Simoni, si potrà raggiungere la chiesa parrocchiale della Beata Vergine del Rosario, dove sarà allestita una mostra con pannelli che presentano aspetti artistici, storici e di fede del santuario della Sassella. Quindi, incontrando lungo il tragitto le altre tre cappelle ancora esistenti delle sei effettivamente edificate rispetto alle quindici previste, si potrà raggiungere la Sassella.

Troppo presto per pensare a celebrare la messa alla Sassella

Ancora presto, invece, pensare di poter tornare a celebrare la Messa in santuario, dove le celebrazioni con concorso di popolo sono sospese ormai da quattordici mesi, quando iniziò l’emergenza pandemica. Le dimensioni ridotte dell’aula assembleare limiterebbero al minimo le presenze e sarebbe difficile assicurare il rispetto delle norme per prevenire i contagi. Per questo motivo, anche durante il mese di maggio, ai fedeli che raggiungeranno il santuario non saranno proposte liturgie guidate, ma a ciascuno sarà messo a disposizione un sussidio per la preghiera personale.

Necrologie