Ennesima chiusura della Provinciale del Lago: Confcommercio furiosa

"Nelle prossime settimane i turisti sono destinati a crescere: non possiamo accoglierli con risposte improvvisate altrimenti sarà il caos".

Ennesima chiusura della Provinciale del Lago: Confcommercio furiosa
19 Marzo 2019 ore 10:08

Di fronte all’ennesima chiusura della strada provinciale del Lago, ovvero la Sp 72 a Bellano, con immediate ricadute sulla circolazione verso Varenna e i paesi lacustri, il vicepresidente vicario di Confcommercio Lecco, Severino Beri, interviene con decisione: “Questa ultima interruzione dimostra la fragilità delle soluzioni adottate per risolvere il problema”.

Ennesima chiusura della Provinciale del Lago

Il provvedimento temporaneo di chiusura si era reso necessario venerdì a causa di uno  smottamento è avvenuto nell’ormai “famigerata” località Tre madonne di Bellano. La strada, negli ultimi mesi è stata chiusa a più riprese soprattutto dopo  la  maxi ondata di maltempo di novembre scorso che aveva provocato una grossa frana. La circolazione è poi ripresa a senso unico alternato sabato.

LEGGI ANCHE  

Allerta meteo vento forte: chiusa totalmente al traffico la Sp 72 del Lago. Parchi chiusi a Lecco

Frana sulla 72, provinciale sbarrata almeno per un paio di giorni

Confcommercio furiosa

“Da quando c’è stata la prima chiusura, a seguito della frana dello scorso autunno, è già la terza-quarta volta che viene adottato un provvedimento simile” prosegue Beri. ” E’ evidente che dopo cinque mesi il problema non è stato ancora risolto né pare essere stato definitivo un piano risolutivo. Eppure la Regione sembra avere dato il via libera alle risorse economiche necessarie”.

Le conseguenze sul turismo

Beri, che è anche presidente di Federalberghi Lecco, poi continua: “Siamo alle soglie della Pasqua e dei ponti che precedono la stagione estiva. Nelle prossime settimane i turisti sono destinati a crescere: non possiamo accoglierli con risposte improvvisate altrimenti sarà il caos. Una soluzione definitiva è necessaria non solo per chi arriva da fuori, ma anche per i residenti e per chi si muove su quella strada per motivi di lavoro o studio. Un territorio già in sofferenza dal punto di vista infrastrutturale non può accettare passivamente questi continui stop ai collegamenti”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia