Frana Val Bregaglia: si transita sulla strada vecchia

Sospiro di sollievo per i molti frontalieri valchiavennaschi

Frana Val Bregaglia: si transita sulla strada vecchia
24 Agosto 2017 ore 07:23

Dalle 7 di questa mattina (giovedì) ripristinata la viabilità da e per la Svizzera.

Frana Val Bregaglia: la strada vecchia consente ai frontalieri di andare a lavorare

Da pochi minuti i moltissimi lavoratori valchiavennaschi che prestano la loro opera in Svizzera possono recarsi regolarmente al lavoro. Le autorità svizzere, infatti, hanno garantito la viabilità sulla vecchia strada che, sebbene un po’ stretta, consente comunque il transito.

Il bilancio della frana

Il materiale sceso è pari a 4 milioni di metri cubi e sembrerebbe che ve nesia un altro milione pronto a scendere. Circa 100 abitanti di Bondo sono stati evacuati e una dozzina di case in Val Bondasca distrutte. Al momento non si segnalano vittime o dispersi. Alle 10 previsto un summit per valutare se le persone potranno fare ritorno alle loro case.

Le ripercussioni in Valchiavenna

Oltre alle problematiche coi lavoratori (alcuni di loro verranno intervistati sul numero di Centro Valle in edicola sabato) anche quelli realtivi al fiume Mera che, da ieri, vista l’apertura della diga di Chiavenna si presenta gonfio e con una colorazione molto scura a causa del materiale sceso dal pizzo Cengalo. Resta dunque la raccomandazione di prestare molta attenzione a coloro che si trovano nelle vicinanze del fiume.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia