Cronaca
Il concerto

Nella notte di Aprica il rock’n’roll sembra più vivo che mai

Applausi per quasi tre ore a Carlo Ozzella e Renato Tammi con i TAD band sabato scorso.

Nella notte di Aprica il rock’n’roll sembra più vivo che mai
Cronaca Tiranese, 16 Agosto 2022 ore 07:00

Non è stata una serata normale. Sabato sera una piazza delle Sei Contrade gremita ha tributato ad Aprica il grande ritorno del rock’n’roll, rappresentato da Carlo Ozzella, Renato Tammi e i TAD Raffaello Allemanini e Fabrizio Dotti. Per due ore e 45 minuti hanno letteralmente dato fuoco al bellissimo palco a suon di classici di Elvis, Springsteen, Stones, Beatles, Dylan, Stones, Prince e chi più ne ha più ne metta. All’inizio il pubblico era comodamente seduto sulle sedie predisposte dall’organizzazione, ma il finale è stata una vera bolgia di ballo e anche di esibizioni estemporanee sul palco da parte dei ragazzi presenti che hanno a dir poco apprezzato la professionalità del gruppo che i due rocker di Milano e Torino, hanno messo insieme solo per questa speciale occasione. Il concerto è stato introdotto dal promotore giornalista e grande appassionato di rock Marco Quaroni, ma poi la serata si è presentata da sè, riportando la miglior musica live su un palco di Aprica dopo gli anni dei fasti di Massimo Bubola, Graziano Romani, Folco Orselli o Davide Van De Sfroos.

Il concerto

Le due voci si sono alternate alla perfezione e hanno offerto performance chitarristiche incredibili, mentre Allemanini - che sembra sbucato da un film americano sugli anni ‘50 - è stato il vero metronomo della serata, completato nella sezione ritmica dal bravissimo e pacato bassista Dotti. Una quarantina (!!!) i brani benissimo rivisitati, con un finale marcatamente Presleyano. Ozzella e Tammi portano avanti dei progetti con le loro band e, a quanto pare, torneranno presto all’Aprica... "Grazie al Comune di Aprica - ha detto Quaroni - in particolare al sindaco Dario Corvi e all’assessore Alessandro Damiani per la rapida organizzazione e la splendida ospitalità. Grazie alle centinaia di persone presenti e a tutti i ragazzi che hanno incendiato il finale. Grazie a Renato Tammi, Carlo Ozzella, Raffaello Allemanini e Fabrizio Dotti per le 2 ore e 45 minuti di grande show. Grazie agli amici che ci hanno raggiunto da Villa. Pare dunque che il rock non sia ancora morto, in fondo. Per l’anno prossimo si parla di un festival... Crediamoci". In finale ricordiamo che Tammi con la sua tribute band di Springsteen sarà agli Antenati di Villa di Tirano, stessa organizzazione, sabato 15 ottobre prossimo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie