L'iniziativa

Note contro la paura

Protagonisti i fratelli Parrino.

Note contro la paura
Alta Valle, 26 Marzo 2020 ore 08:11

Festival Le Alte Note.

Note contro la paura

L’emergenza coronavirus non ferma la musica dei fratelli Parrino, originari di Bormio, Francesco (violino) e Stefano (flauto), musicisti internazionali, artefici del festival con masterclass Le Altre Note da 10 anni in Valtellina. Sono infatti i curatori artistici del progetto Notes beyond Fear, Note oltre la Paura, rassegna culturale Facebook. Musicisti, compositori, attori e cantanti del Festival stanno registrando dalla loro abitazione in Italia brevi video preceduti da messaggi per invitare i cittadini a restare a casa. L’Ambasciata d’Italia a Yangon in Myanmar dove molti di loro avrebbero dovuto esibirsi il 14 marzo ha lanciato l’iniziativa per continuare a promuovere i valori di arte e bellezza.

Protagonisti

Ecco i protagonisti: dopo Francesco e Stefano Parrino con il “Va, pensiero” dal Nabucco di G. Verdi, il mezzosoprano Akiko Kozato con due canti popolari (siciliano e giapponese), Gianfranco Bortolato primo oboe del Teatro dell’Opera di Roma, l’attore e musicista Pietro Mossa in un monologo dal I Atto dell’Amleto di Shakespeare, le giovanissime sorelle Aran e Nora Spignoli (Duo d’Arpa) con brani di Baur e Respighi; il jazzista Danilo Rea (piano); Mauro Maur (tromba); Maria Cecilia Berioli (violoncello); Luca Ranieri (viola); Clara Schembari (piano); Susanna Bertuccioli (arpa); Roberto Genova (sassofono); Giovanni Vello (tromba); Sergio Pallottelli (flauto); Francesco Galligioni (violoncello); l’attrice Sabrina Candeloro; Francesca Adamo Sollima (mezzosoprano); Federico Guglielmino (violino); Sarah Sammartino (attrice) e alcuni dei giovani vincitori del Premio Ibla Grand Prize 2019.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: