Olimpiadi 2026: interventi indispensabili per l’accesso in Valtellina, ecco quali

Regiona Lombardia in una lettera indirizzata al Ministro Toninelli ha espresso la necessità di migliorare le vie d'accesso alla nostra Provincia.

Olimpiadi 2026: interventi indispensabili per l’accesso in Valtellina, ecco quali
28 Giugno 2019 ore 14:13

Potenziare e riqualificare la viabilità di accesso ai territori della Valtellina e della Valchiavenna in vista delle Olimpiadi invernali del 2026. E’ il contenuto della nota che il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha inviato al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Massima disponibilità

“Regione Lombardia – ha dichiarato il Presidente Fontana – è da tempo impegnata con l’ANAS e il Ministero su diversi tavoli tecnici e istituzionali, che hanno portato a risultati concreti in termini di miglioramento infrastrutturale, come il completamento della Variante di Morbegno, aperta al traffico nell’ottobre 2018, e l’approvazione del progetto definitivo della variante di Tirano”. “Confermo – ha concluso il governatore – la massima disponibilità per proseguire nel percorso costruttivo di collaborazione sin qui intrapreso”.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi 2026, Uggè: “Serve il traforo del Mortirolo”

Interventi indispensabili

“E’ necessario – ha spiegato l’assessore regionale alla Montagna e Piccoli Comuni, il valtellinese Massimo Sertori – un significativo passo avanti sia nella risoluzione del nodo della Tangenziale di Sondrio, sulla S.S. 38, sia nel garantire gli interventi indispensabili alla piena funzionalità del collegamento della S.S. 36 a nord di Lecco, anche a fronte di situazioni di criticità, come recentemente la frana verificatasi in località Lierna e, in passato, la chiusura della galleria Monte Piazzo”.

LEGGI ANCHE: Le Olimpiadi per la Valtellina: “Verranno fatti investimenti per il territorio”

Rafforzare l’asse Milano-Valtellina

“Per questo – ha aggiunto Sertori – bisogna procedere celermente con la realizzazione del Peduncolo di Dervio e dello svincolo di Piona. Sempre per rendere più agevoli i flussi turistici che arriveranno prima e dopo l’evento, un altro intervento importante sarà quello relativo all’ adeguamento sulla strada statale 39 del Passo di Aprica“.

“Alla luce dell’aggiudicazione dei Giochi Olimpici invernali del 2026 – ha continuato Sertori – e considerando i territori lombardi che saranno maggiormente coinvolti dalle gare, è chiaro che dobbiamo rafforzare l’asse tra Milano e la Valtellina, andando a risolvere i punti nevralgici della viabilità stradale, così come l’asse Orio al Serio-Lecco-Valtellina”.

Ferrovia

“Ma una riflessione va fatta anche sul settore ferroviario – ha aggiunto Sertori – dove andranno avviati interventi sulla rete al fine di ridurre il tempo di percorrenza del sulla tratta Milano-Tirano. Infine, come già previsto negli interventi di pianificazione provinciale che prevedono la realizzazione della ferrovia tra Tirano e Bormio, diventa ancor più fondamentale perseguire questa ipotesi”. “Partiremo subito a lavorare per trovare una strategia organica che possa coordinare gli interventi e coinvolgere tutti gli Enti preposti” ha terminato Sertori.