Sondalo

Ospedale Morelli: più di 1200 firme per chiedere un destino diverso

I Sindaci dell'Alta Valle e del Tiranese chiedono a Regione Lombardia di rivalutare le proprie decisioni.

Ospedale Morelli: più di 1200 firme per chiedere un destino diverso
Cronaca Alta Valle, 17 Aprile 2021 ore 07:24

I Sindaci dell'Alta Valle e in parte dell'Tiranese hanno scritto a Regione Lombardia ed al Prefetto di Sondrio presentando il risutato della raccolta firme promossa tra gli operatori economici/produttivi affinchè venga ridisegnato il destino dell'Ospedale Morelli di Sondalo. Più di 1200 le firme raccolte  in pochi giorni a sostegno dell’appello dei sindaci  valtellinesi a Regione Lombardia affinchè venga riconsiderato il ruolo dell’Ospedale Morelli.

Destino diverso per l'Ospedale Morelli

Una partecipazione che evidenzia l’importanza che il comparto turistico dell’Alta Valle,  nella sua interezza, dà a questa battaglia volta a garantire il diritto alla salute di ogni  cittadino e ospite delle nostre montagne.  - Sottolineano i promotori dell'iniziativa - Commercianti, albergatori, agricoltori, artigiani, allevatori, libero professionisti... tutti uniti  nel manifestare l’appoggio ai sedici sindaci firmatari della missiva diretta ai rappresentanti  della Regione Lombardia e nel supportare la battaglia per il Diritto alla Salute.

“Ognuno svolga il proprio ruolo per le competenze e le possibilità che gli sono proprie. La buona riuscita di una qualsivoglia azione la si può raggiungere in un solo modo:  INSIEME!!”  questo il motto della raccolta firme nata dalla consapevolezza che è impossibile promuovere un turismo di  eccellenza, che da sempre ha caratterizzato il nostro territorio, senza riconoscere i diritti  della comunità ospitante e i servizi primari. - Concludono i promotori dell'iniziativa - Ci auguriamo che anche altre realtà e associazioni dei vari comuni e mandamenti della  provincia possano promuovere iniziative analoghe perché il Diritto alla Salute è un bene  imprescindibile e primario che non può essere negato!”

Necrologie