Menu
Cerca
Il fatto

Ospedale Morelli, troppi pazienti Covid in Terapia intenensiva: rimandata l'apertura del Punto nascita

E' stata spostata dal 14 giugno all'1 luglio.

Ospedale Morelli, troppi pazienti Covid in Terapia intenensiva: rimandata l'apertura del Punto nascita
Cronaca Alta Valle, 09 Giugno 2021 ore 13:21

Il numero dei malati covid-19 in gravi condizioni ricoverati presso la Terapia intensiva dell'Ospedale Morelli non scende, erano cinque due settimane fa e sono cinque oggi: una situazione che richiede un'attenzione e un impegno costanti dei medici del reparto.

Per questa ragione, l'annunciata riapertura del Punto nascita, prevista per il 14 giugno, è posticipata all'1 luglio quando, ci si augura, i pazienti saranno diminuiti. Nelle condizioni attuali, infatti, è stato segnalato dagli stessi medici anestesisti, non sarebbe possibile garantire una puntuale assistenza in sala parto. Una precauzione assunta a tutela della sicurezza delle future mamme residenti in Alta Valtellina che fino alla fine di giugno potranno partorire all'Ospedale di Sondrio. A Sondalo rimane comunque sempre garantita la presenza dell'équipe formata da medico ginecologo, ostetrica e pediatra per i parti in urgenza.

Morelli, riapertura graduale legata all'andamento della pandemia

La graduale riapertura dell'attività ospedaliera al Morelli è ovviamente condizionata dall'andamento dell'emergenza covid-19 che sta lentamente rientrando per quanto riguarda il numero totale dei ricoverati, oggi sono 24, ma non per la Terapia intensiva. Sono già stati riaperti i reparti di Pneumologia e Pneumologia riabilitativa e la piscina per l'attività riabilitativa in acqua ed è ripresa l'attività chirurgica, con 24 posti letto a disposizione al primo piano del quarto padiglione. Il reparto di Cure palliative può nuovamente contare su sette posti letto.

Necrologie