Parcheggio degradato, il Comune: interverremo

Anche la Questura annuncia maggiori controlli in via Sauro

Parcheggio degradato, il Comune: interverremo
21 Luglio 2017 ore 10:41

Il Comune promette interventi immediati per il parcheggio degradato di via Sauro. Se ne è parlato giovedì in Consiglio comunale.

Parcheggio degradato: la minoranza vuole soluzioni

A sollevare la questione sul degrado del posteggio di via Sauro è stata l’interrogazione del consigliere di minoranza Andrea Massera. Ha sottolineato lo stato degradato e indecoroso delle scale che portano al parcheggio interrato. Sono piene di scritte sui muri e sporcizia nei vani. E non mancano neppure i problemi di sicurezza, visto che soprattutto nelle ore serali e notturne il parcheggio è mal frequentato.

Il Comune promette di intervenire

L’assessore ai Lavori pubblici Michele Iannotti ha condiviso la preoccupazione della minoranza e prospettato tre possibili soluzioni. “Non si può andare avanti così, il parcheggio di via Sauro non può restare un bagno a cielo aperto o un ritrovo per vandali, imbrattatori e disgraziati – ha affermato – Anche i condomini sono spaventati per la
possibile intrusione di personaggi loschi anche nei box privati. Abbiamo deciso di impedire che balordi si impossessino nelle ore notturne di chiusura del parcheggio. Per questo prenderemo provvedimenti. Si potrebbe limitare l’rea del parcheggio con una barriera esterna che impedisca l’accesso ai malintenzionati. Un altro possibile intervento prevede l’installazione di telecamere nei pressi dell’entrata”.

Anche la Polizia pronta a maggiori controlli

Secondo quanto riferito sempre dall’assessore Iannotti, anche la Polizia di Stato è pronta a prendere provvedimenti. E ha spiegato di aver ricevuto rassicurazioni dal questore Gerardo Acquaviva che intensificherà i passaggi delle pattuglie nella zona. E tutto questo per garantire una maggiore sicurezza per i residenti e per chi lascia la propria auto nel posteggio.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia