Teglio

DPCM violato: piatto di pizzoccheri costa caro a clienti e ristoratore

Domenica scorsa l’irruzione delle forze dell’ordine al San Pietro di Teglio.

DPCM violato: piatto di pizzoccheri costa caro a clienti e ristoratore
Cronaca Tiranese, 09 Febbraio 2021 ore 06:00

Gianpiero Reghenzani aveva aperto il suo ristorante San Pietro aderendo – fra i pochi in Valtellina – all’iniziativa di ribellione sociale “Io apro per non chiudere più”. E domenica 31 gennaio 2021, quando ancora vigeva la zona arancione, il suo ristorante nel cuore di Teglio era appunto aperto. Ma qualcosa è andato storto, con le forze dell’ordine giunte a interrompere il pranzo di una famiglia di turisti.

Per far mangiare la bambina

Sentiamo il racconto del ristoratore.

“Domenica c’era una famigliola con una bimba di due anni sul seggiolone, i genitori stavano facendo mangiare la bimba intanto che aspettavano un piatto di pizzoccheri. Sono arrivati Carabinieri, Finanza e Polizia, hanno fatto sloggiare e sanzionato la famigliola e poi hanno multato il sottoscritto e imposto 5 giorni di chiusura.

La cosa che mi è spiaciuta di più è stata appunto l’interruzione del pranzo della bambina, mi sembra davvero triste ed esagerato. Faccio notare che il cambiamento di colore da domenica a lunedì, 12 ore, nel caso, è stato deciso venerdì notte”.

Sanzioni

Vediamo nel dettaglio l’ammontare delle sanzioni. In totale 280 euro di multa al ristoratore, che ha già regolarmente pagato. Ma 280 euro a testa anche per i clienti del suo ristorante.

“E proprio qui sta il mio malessere – aggiunge – Io ho voluto trasgredire i Dpcm per contrarietà e me ne assumo ogni responsabilità, era un atto dimostrativo. Ho pagato la multa nella mattinata di giovedì e la accetto.

Ma non ci si può accanire contro una famiglia di turisti che era a Teglio di passaggio per vedere un appartamento per un eventuale affitto. Spero davvero prevalga il buon senso e che la sanzione contro i componenti della famiglia venga tolta. Sarebbe folle. Volevano solo far mangiare la loro bambina al caldo perché non hanno casa a Teglio. Vediamo di ragionare”.

Il grande dispiacere di Reghenzani è proprio per i clienti: “Mi appello al buon senso delle autorità competenti e spero che non vengano sanzionati i clienti che devono far mangiare una bambina”. Intanto per tutta la settimana il San Pietro ha dovuto rimanere chiuso ed ha riaperto soltanto venerdì.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli