Menu
Cerca
Grosotto

Prefetto in visita ai volontari della Protezione civile

Domenica scorsa.

Prefetto in visita ai volontari della Protezione civile
Cronaca Tiranese, 31 Maggio 2021 ore 06:00

In occasione della partecipazione domenica 23 maggio alla Santa Messa celebrata dal vescovo al Santuario della Madonna delle Grazie di Grosotto, il prefetto Salvatore Pasquariello ha fatto visita al gruppo dei volontari della Protezione civile, che lo hanno accolto dinanzi alla sede del Comune alla presenza del sindaco Giuseppe Saligari, del comandante della Stazione dei Carabinieri Luogotenente Angelo Pretalli, del comandante della Stazione dei Carabinieri Forestali carabiniere scelto Simone Mei e dell’Agente di Polizia locale Pier Antonio De Piazza. Dopo le visite - all’indomani del suo insediamento - alle cinque Comunità montane della provincia di Sondrio, in occasione delle quali il prefetto aveva conosciuto i presidenti delle stesse e i sindaci dei rispettivi mandamenti, non era stato possibile attuare il programma delle visite ai Comuni a causa del sopraggiungere della pandemia.

Interventi

La circostanza della messa al Santuario è stata propizia per riprendere l’idea. Dopo il saluto di benvenuto del sindaco e l’intervento del prefetto - che ha evidenziato soprattutto l’attività di prezioso servizio che i volontari offrono alla propria comunità in supporto alle istituzioni e agli enti locali, talora in meritoria supplenza degli stessi in tutto il territorio nazionale - il responsabile del gruppo ha illustrato le recenti iniziative portate a compimento soprattutto durante l’emergenza sanitaria tuttora in corso. Il prefetto poi ha visitato con il sindaco i locali del Comune che ospitano la sala operativa della Protezione civile gestita dal gruppo comunale e alcuni uffici comunali che sono stati recentemente ristrutturati. Infine ha con piacere accolto l’invito del sindaco a visitare con lui il torchio vinario del 1700 e la sede della MelaGodo Sidro Spumante Mela, azienda locale con attestati internazionali di premialità.

Necrologie