Cronaca
No deciso

Protesta degli ambientalisti contro la Passerella Pedonale sull'Adda

Una struttura eccessiva secondo i manifestanti.

Protesta degli ambientalisti contro la Passerella Pedonale sull'Adda
Cronaca Alto Lago, 04 Luglio 2022 ore 10:39

Contro la nuova passerella sull'Adda tra Colico e Gera Lario gli ambientalisti hanno organizzato un Flash mob sabato 2 luglio 2022.

Contro la Passerella sull'Adda

Netta la contrarietà all'opera dei volontari di Legambiente, Wwf, Cros Varenna, Orma e Goletta dei Laghi che hanno organizzato una manifestazione sull’argine destro dell’Adda tra il ponte stradale-ferroviario e la foce.

Flash mob degli ambientalisti

Il flash mob di sabato arriva dopo diverse prese di posizioni del mondo ambientalista dell'Alto Lago. Le associazioni ambientaliste avevano già chiesto, nella conferenza di servizi convocata il 26 aprile dal Comune di Colico, che il procedimento di approvazione del progetto di nuovo ponte ciclopedonale sul fiume Adda venisse archiviato in favore di altra soluzione.

Legambiente e WWf avevano diffidato il Comune a procedere con l’iter autorizzativo e dal realizzare l’opera, "finanziata con circa 2 milioni e mezzo di denaro pubblico e il cui costo è destinato ad aumentare per l’impennata dei prezzi dei materiali".

"Il ponte non è previsto nel Piano della Riserva - spiegano in una nota i volontari dopo il flsh mob - La deliberazione del Consiglio regionale della Lombardia n. 1913 del 6.2.1985 vieta di costruire manufatti, nuove strade e di trasformare quelle esistenti salvo che non siano previsti dal Piano della Riserva. È mancato il necessario confronto con l’Ente gestore della Riserva durante le fasi di approfondimento e definizione progettuale con particolare riguardo alle scelte localizzative e tipologiche. Non è inserito nei PGT di Colico e di Gera Lario. La connessione tra i percorsi ciclopedonali (Valtellina, Val Chiavenna, Lario occidentale) non deve essere confusa con la mobilità nel territorio della Riserva che necessita di un Piano oggi inesistente".

Si tratterebbe dunque di una sruttura “eccessiva”

E ancora secondo gli ambientalisti il nome del progetto “Passerella ciclopedonale per il collegamento del Sentiero Valtellina alla Riserva naturale del Pian di Spagna” non è corretto:

"L’esigenza principale è assicurare a pedoni e ciclisti l’attraversamento sicuro del fiume, non l’ingresso nella Riserva.

È in relazione al ponte stradale-ferroviario esistente che bisogna cercare la connessione tra i percorsi laddove interferiscono con il territorio della Riserva. Deve prevalere la necessità di salvaguardare il territorio da ogni fonte di disturbo che può derivare dall’apertura di canali di ingresso all’area protetta.

L’opera progettata non ha rapporto con il paesaggio naturale e storico del Pian di Spagna, è una struttura “eccessiva” che si dovrebbe ergere per ben 28,5 metri sopra il piano di campagna, con un grave impatto dei terrapieni e delle rampe sugli argini, interrompendo la linea dell’orizzonte.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie