manifestazione

Protesta per la sanità di montagna, appello a Sertori: “Caro Massimo, fermati!”

L'auspicio di chi ha partecipato alla manifestazione è che Regione Lombardia ripensi alle sue decisioni e che apra un tavolo di confronto.

Alta Valle, 09 Agosto 2020 ore 22:10

 

Grande partecipazione alla manifestazione “Giù le mani dal Morelli”. Le aspettative sono state pienamente soddisfatte: il campo sportivo di via Verdi a Sondalo è colmo di persone riunitesi nel rispetto delle norme anti-covid, tutti a manifestare il proprio dissenso al piano di riorganizzazione della sanità per la Provincia di Sondrio voluto da Regione Lombardia.

Giù le mani dal Morelli

Sul palco si sono susseguiti sindaci e rappresentanti del comitato a tutela della Sanità di Montagna. La serata trova una sintesi nell’accorato intervento di Pietro Del Simone, coordinatore del comitato per il Morelli, che ha rivolto le sue parole direttamente all’Assessore Massimo Sertori uno tre i principali protagonisti della polemica in atto.

Caro Massimo, fermati

All’assessore Sertori è criticata una frase poi, secondo il comitato, smentita nei fatti: “Caro Massimo, quando hai detto ‘Il mio Morelli’ la gente non l’ha apprezzato osservando poi l’azione di depotenziamento messa in atto che è stato uno schiaffo nei confronti di tutti quegli operatori che hanno rischiato la vita per curare i malati covid. – ha spiegato Del Simone – Un tema importante come la sanità di montagna non ha bisogno di imposizioni dall’alto che arrivano da burocrati che non conoscono la materia e snobbano il documento fornito dal comitato scientifico, necessita invece di partecipazione e condivisione tra le parti coinvolte”.

In conclusione Del Simone con la voce rotta dall’emozione ha mandato un appello al suo amico Massimo Sertori: “Per favore fermati, all’ospedale Morelli ripristina le attività pre-covid e convoca un tavolo per il confronto, serio e costruttivo, sono infatti sicuro che troveremo una adeguate ed efficiente soluzione per una vera sanità di montagna. Rivedere il proprio pensiero, caro Massimo, non è una sconfitta ma un atto di grande intelligenza che la gente saprà ascoltare”.

4 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia