Quattro incontri per conoscere meglio le problematiche psichiatriche tra i giovani

Giovedì 16 gennaio il primo dei quattro appuntamenti al cinema Excelsior di Sondrio

Quattro incontri per conoscere meglio le problematiche psichiatriche tra i giovani
Sondrio, 10 Gennaio 2020 ore 16:22

“Cultura e cinema al servizio del benessere” è il titolo dell’iniziativa lanciata dall’Asst Valtellina e Alto Lario, attraverso l’Unità operativa di Neuropsichiatria infantile dell’ospedale di Sondrio, che propone quattro momenti di incontro e di confronto sulle forme di disagio psicopatologico che interessano bambini e ragazzi per approfondire le conoscenze, convogliare l’interesse e costruire nuove alleanze intorno a temi che coinvolgono un numero sempre maggiore di famiglie. Il progetto è stato promosso in collaborazione con l’Ats Montagna, il Cras, Centro di ricerca e animazione sociale, e le associazioni Aifa e Anffas con il patrocinio del Comune di Sondrio e dei Lions.

LEGGI ANCHE: Paura per una ragazzina investita in via Bernina a Sondrio  FOTO

Presso il cinema Excelsior a Sondrio

Gli appuntamenti sono in programma presso il cinema Excelsior di Sondrio, con inizio alle ore 17, con una proposta insolita che prevede l’intervento di un esperto, il dibattito, il buffet aperto a tutti i presenti e infine la visione di un film. Si comincia giovedì 16 gennaio con il tema “Il disturbo della condotta” che verrà affrontato e sviluppato prima con la relazione di Massimo Molteni, direttore sanitario a “La nostra famiglia”, il centro per la cura e la riabilitazione delle persone con disabilità con sede a Bosisio Parini, quindi attraverso il film “In un mondo migliore”, diretto da Susanne Bier, storia dell’amicizia problematica tra due adolescenti, presentato da Maurizio Gianola. A introdurre gli incontri sarà Corrado Meraviglia, responsabile dell’Unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile dell’ospedale di Sondrio: ≪Con questa iniziativa ci proponiamo di avvicinare la popolazione, gli insegnanti e gli operatori del privato sociale a queste problematiche psichiatriche, spesso misconosciute alla maggior parte delle persone, che interessano almeno il 7-8% dei minori – spiega il dottor Meraviglia -. La diagnosi precoce di tutte le forme di disagio psicopatologico, e dunque l’intervento per tempo, consente di modificare in meglio la qualità della vita. Ci auguriamo quindi di attirare l’attenzione su questi temi e di avere un folto pubblico agli incontri≫.

Relatori

Dopo il primo del 16, si proseguirà venerdì 24 gennaio con l’incontro sul tema “ADHD”, la sindrome da deficit di attenzione e iperattività, che vedrà quale relatore Cristiano Termine, docente dell’Università Insubria di Varese, riconosciuto esperto sul tema. Al suo intervento seguirà il dibattito e, dopo il buffet, la visione del film “La sindrome dei monelli”, nato dall’incontro del regista Alberto Coletta con centinaia di genitori, insegnanti ed esperti, che racconta la storia di Julia, bambina iperattiva, e dei suoi genitori, alla ricerca di un supporto e di una cura. Mercoledì 5 febbraio sarà Silvia Chiodin, regista e studiosa, a intervenire sul tema del disturbo mentale e a introdurre il suo film “Cristina, il racconto di una malattia”, storia vera, e di successo, di una donna con un passato segnato dalla sofferenza della malattia psichiatrica grave che oggi vive serenamente con il marito. Infine, giovedì 20 febbraio, Matteo Rocchetti, docente dell’Università di Pavia, interverrà sul tema “La transition dell’autismo all’età adulta”. Al termine verrà proiettato il film “Quanto basta”, diretto da Francesco Falaschi e interpretato da Luigi Fedele, Vinicio Marchioni e Valeria Solarino, ambientato in un centro per ragazzi autistici. La partecipazione agli incontri è libera e l’ingresso gratuito.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia