Rifiutano l’alcol test ma ottengono il massimo della sanzione

Il resoconto delle attività di controllo da parte della Polizia.

Rifiutano l’alcol test ma ottengono il massimo della sanzione
25 Dicembre 2019 ore 11:21

Nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 Dicembre 2019 personale della Polizia Stradale, nello svolgimento di un servizio dedicato alla prevenzione del fenomeno della guida in stato d’ebbrezza, espletato principalmente nella Media Valtellina, ha proceduto al ritiro di quattro patenti ed al conseguente deferimento all’Autorità Giudiziaria di altrettanti conducenti.

Ritiro della patente

Due dei quattro soggetti responsabili, tutti di sesso maschile e residenti in provincia di Sondrio, rispettivamente di 37 e i 30 anni di età, sono stati sottoposti a controllo con precursore ed etilometro, che ha evidenziato un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge, compreso tra 0,92 g/l e 1,05 g/l. e, conseguentemente, sono stati sottoposti all’immediato ritiro della patente di guida per la successiva sospensione amministrativa.

LEGGI ANCHE: Enorme frana a Forcola FOTO e VIDEO

Rifiuto del test

I restanti due conducenti, rispettivamente di 38 e 26 anni di età, residenti in provincia di Sondrio (entrambi già recidivi al reato di guida in stato d’ebbrezza), su cui gli agenti avevano maturato il fondato sospetto che si fossero posti alla guida in condizioni di ebbrezza alcolica, dopo avere manifestato condotte tendenti a posticipare l’attività degli agenti, si sono rifiutati di sottoporsi agli accertamenti utili alla verifica del tasso alcolemico e si sono spontaneamente allontanati dal luogo del controllo.

Multa maggiore

Nei loro confronti è stato pertanto applicato l’art. 186 c. 7 del Codice della Strada, che disciplina il reato di rifiuto a sottoporsi agli accertamenti relativi alla guida in stato d’ebbrezza, stabilendo una sanzione penale pari al massimo previsto per la guida in stato d’ebbrezza, unitamente alla sanzione accessoria del sequestro amministrativo del veicolo, se di proprietà del conducente. In sostanza non risulta conveniente al soggetto controllato sottrarsi agli accertamenti etilometrici, che potrebbero evidenziare uno stato d’ebbrezza con conseguenze giuridiche comparativamente meno gravi rispetto a quelle previste in caso di rifiuto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia