Cronaca
Bormio

Riprende vita il progetto Oltre la scuola all’Alberti

Venerdì 11 marzo all’auditorium scolastico primo incontro.

Riprende vita il progetto Oltre la scuola all’Alberti
Cronaca Alta Valle, 04 Marzo 2022 ore 06:00

Sono passati più di due anni (di cui due interi di fermo per covid) da quando nacque l’associazione Oltre la Scuola, tra le fila dell’Istituto Superiore Alberti in un gruppo di ex-studenti, con l’intento di essere trait-d’union tra scuola e comunità, e attivarsi per dare vita a un luogo, fisico e mentale, in cui coinvolgere coloro che avessero già concluso il percorso scolastico e studenti in corso (in particolare delle scuole superiori) ove generazioni diverse potessero trovare risposta alle diverse esigenze formative, culturali, sociali, incontrarsi e confrontarsi, condividendo interessi e curiosità. Il metodo contempla tutt’oggi l’offerta di iniziative educative e formative, in aggiunta, e a integrare, i programmi scolastici.

Colturi

"Riprendiamo le fila dell’Associazione venerdì 11 marzo sera all’auditorium scolastico - dice la nuova presidente Franca Colturi - siamo aperti, pronti a collaborare con chiunque ne condivida le finalità, amministrazioni o associazioni, ad ascoltare le richieste dei bisogni culturali di chi la vorrà sostenere, e a dare spazio a chi abbia voglia di mettere a disposizione da volontario le sue competenze per la collettività. È ora il momento di ritrovarsi e contribuire, insieme, a far ripartire quell’onda di entusiasmo con cui ci si era lasciati due anni fa". Martedì 15 marzo, il primo evento dopo la ripresa, in collaborazione col Centro Arco di Sondrio che si occupa di disturbi alimentari, inserito nel progetto Terzo Tempo, ideato e promosso da Centro Arco e Polisportiva Albosaggia, finanziato da Pro Valtellina; primo di un ciclo di appuntamenti, rivolti a studenti, genitori, insegnanti, educatori, sviluppato intorno al tema del disagio giovanile, delle sue espressioni e dei sistemi per affrontarlo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie