Cronaca
Il fatto

Soccorritore preso a schiaffi e pugni da una ragazzina

E' accaduto all'alba di domenica al Pronto soccorso dell'ospedale Morelli.

Soccorritore preso a schiaffi e pugni da una ragazzina
Cronaca Alta Valle, 17 Gennaio 2023 ore 07:28

Hanno soccorso una ragazzina che aveva alzato un po' troppo il gomito. E lei prima ha cercato di fuggire dal Pronto soccorso, poi ha colpito con schiaffi e un pugno uno dei soccorritori. E' accaduto nella notte tra sabato e domenica all'esterno del Pronto soccorso dell'ospedale Morelli di Sondalo.

Soccorritore preso a schiaffi e pugni da una ragazzina

A raccontare l'episodio è la dottoressa Paola Viganò, coordinatore di Valtellina Soccorso, che per conto di Areu gestisce alcuni servizi di emergenza e urgenza.

"Domenica 15 gennaio 2023, alle 4.44, l’ equipaggio del mezzo di soccorso è stato attivato per un sospetta intossicazione etilica su ragazza di 17 anni. Quando i soccorritori sono arrivati in posto la ragazza ha opposto un po’ di resistenza ma in seguito ha accettato di andare in ospedale.

Giunti in ospedale a Sondalo alle ore 05.0 la ragazza ha tentato di scappare, i soccorritori hanno cercato di spiegarle che doveva entrare in Pronto soccorso"

La ragazza però continua a opporre resistenza e, sempre secondo il racconto della dottoressa Viganò, un soccorritore nell’intervenire, dopo una breve colluttazione, viene fatto cadere a terre batte il ginocchio destro.

La situazione degenera

La dottoressa prosegue: "I due soccorritori riescono a far entrare in ospedale la ragazza che, ancora una volta si allontana. Un soccorritore la segue e la giovane si nasconde tra due auto nel parcheggio del Pronto Soccorso di Sondalo. Una volta raggiunta il soccorritore le chiede di tornare all’interno   così da poterla aiutare; lei rifiuta e lui cerca di prendere la ragazza per aiutarla ad alzarsi da terra, ma la paziente risponde tirando schiaffi e un pungo in faccia al soccorritore, provocando evidente epistassi.

In quel momento soccorritore e paziente vengono raggiunti dal collega e dal personale infermieristico che prendono la ragazza e la portano in Pronto Soccorso.

A seguito dell’episodio il soccorritore riporta una tumefazione del ponte del naso (con episodi continui di epistassi) e della parte sinistra della mascella, tumefazione e abrasione del ginocchio destro con lesione del tendine rotuleo".

Seguici sui nostri canali
Necrologie