Menu
Cerca
140mila persone

Speranza vaccino anti covid: in Valtellina tutti vaccinati entro giugno

Ne sono previste fino a 2500 al giorno nei sei ambulatori di Chiavenna, Morbegno, Sondrio, Villa di Tirano, Sondalo e Gravedona

Speranza vaccino anti covid: in Valtellina tutti vaccinati entro giugno
Cronaca 17 Marzo 2021 ore 15:41

L’impegno del sistema sanitario provinciale per le vaccinazioni anti covid-19 si divide su più fronti per gestire il presente e programmare il futuro. In questi giorni prosegue la somministrazione del vaccino Pfeizer, prima e seconda dose, agli ultraottantenni, nel mentre Asst Valtellina e Alto Lario e Ats Montagna, in collaborazione con la Provincia e i Comuni e il coinvolgimento della Protezione civile, stanno stringendo i tempi per terminare l’allestimento dei centri individuati per ospitare la campagna vaccinale massiva.

Tutto pronto

Non c’è ancora una data precisa per la partenza, poiché si attende la piena disponibilità dei vaccini necessari, ci si augura nel prossimo mese di aprile, ma quel che è certo è che tutto sarà pronto in largo anticipo per non perdere nemmeno un giorno non appena verrà dato il via alla campagna.

L’obiettivo dichiarato è di vaccinare circa 140 mila persone, tutti i residenti in provincia di Sondrio e nell’Alto lago comasco, tranne gli under 18 e quelli che hanno già ricevuto il vaccino, in meno di tre mesi, dunque per la fine di giugno. Si procederà al ritmo di 2200-2500 vaccinazioni al giorno. I centri vaccinali per la campagna massiva saranno operativi tutti i giorni, domenica e festivi compresi, mattino e pomeriggio, per otto ore al giorno.

Sei punti vaccinali

I sei punti vaccinali, cinque in provincia di Sondrio e uno in provincia di Como, sono stati così localizzati: a Chiavenna, presso il palestrone di viale Maloggia; a Morbegno, nel Polo Fieristico; a Sondrio, nella palestra dell’Istituto Tecnico “De Simoni-Quadrio”, nel campus scolastico, e nell’auditorium del Policampus; a Villa di Tirano, nel Polifunzionale; a Sondalo, nel sesto padiglione dell’Ospedale Morelli; a Gravedona, presso l’Ospedale “Moriggia Pelascini”.

Alcuni di questi centri vengono già utilizzati quali ambulatori per le vaccinazioni e sono allestiti, mentre i nuovi spazi, le palestre di Sondrio e Chiavenna e il Polo Fieristico di Morbegno, devono essere adeguatamente attrezzati con la necessaria strumentazione. Contemporaneamente, si procede con l’organizzazione del personale: oltre ai dipendenti di Asst e Ats verranno reclutati anche medici di base, i sanitari volontari che hanno aderito al bando di Ats e i medici che hanno risposto al bando nazionale.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli