Statale 36: arrivano le telecamere “anti furbetto”

Anas ha annunciato di aver installato un impianto di video sorveglianza lungo il tratto Lecco-Colico , che permetterà di individuare e sanzionare chi abbandona rifiuti a bordo strada.

Statale 36: arrivano le telecamere “anti furbetto”
04 Dicembre 2019 ore 15:05

Statale 36: arrivano le telecamere “anti furbetto”. È stato infatti  sottoscritto in Regione Lombardia, alla presenza dell’assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni Massimo Sertori e del sottosegretario ai Grandi Eventi Antonio Rossi un Protocollo d’Intesa per la rimozione dei rifiuti urbani che giacciono lungo la Strada Statale 36, nel tratto Lecco-Colico. L’accordo è stato siglato tra i Comuni di Abbadia Lariana (Lc), Mandello del Lario (Lc), Lierna (Lc), Varenna (Lc), Perledo (Lc), Dervio (Lc), Colico (Lc), Anas e Silea.

LEGGI ANCHE Attenzione: chiusa la strada Provinciale 342 per verifiche di stabilità sulla passerella

Statale 36: arrivano le telecamere “anti furbetto”

Il Protocollo avrà una durata di un anno a partire da gennaio 2020. Per tale data Silea, società che gestisce l’intero ciclo integrato dei rifiuti, provvederà, infatti, all’attivazione del servizio mensile. In base ai risultati ottenuti nei prossimi 12 mesi, una volta giunto a scadenza l’accordo potrà essere modificato o rinnovato. I comuni interessati non pagheranno nulla per il servizio. I costi saranno determinati in funzione dell’entità e del tipo di rifiuti da smaltire. Anas, che gestisce la manutenzione del tratto stradale, corrisponderà a Silea un importo massimo di 40.000 euro l’anno.

Impianto di sorveglianza per accertare gli illeciti sulla Statale 36

In concomitanza con la stipula del Protocollo, Anas ha annunciato di aver installato un impianto di video sorveglianza lungo il tratto Lecco-Colico della SS36, che permetterà di individuare e sanzionare chi continuerà ad abbandonare rifiuti a bordo strada. Grazie al patrocinio della Prefettura di Lecco, è stata coinvolta nell’attività di prevenzione la Polizia stradale di Bellano, che aumenterà l’attività di vigilanza e controllo e si occuperà di elevare le infrazioni.

Sertori: un accordo frutto della collaborazione fra Enti

“Il tratto tra Colico e Lecco – ha spiegato l’assessore Sertori – è diventato oggetto di ricorrenti fenomeni di abbandono di rifiuti. Un comportamento indiscriminato, incivile ma anche pericoloso per la circolazione stradale. La Regione è scesa in campo direttamente e con successo per agevolare le azioni di contrasto e repressione del fenomeno, attivando quest’importante Protocollo di intesa tra i vari enti che potrebbe in futuro diventare un modello”.

Un’azione congiunta da riproporre in altre realtà

 

Strada Statale 36, l’assessore Sertori e il sottosegretario Rossi al tavolo per il Protocollo.

 

“Si tratta di un accordo importante perché dà un forte segnale di attenzione da parte delle istituzioni e realizza azioni destinate a risolvere il problema. Inoltre, intese come queste – ha continuato Sertori – hanno già dato buoni frutti in altre regioni d’Italia e sarebbe bene mutuarle anche in ulteriori contesti della nostra splendida Lombardia. Per questo primo risultato ringrazio Anas, i sindaci dei piccoli Comuni e Silea per la loro collaborazione fattiva”.

Rossi: la Strada Statale 36 sarà biglietto da visita per i Giochi del 2026

“Con questo protocollo – ha sottolineato Antonio Rossi – si realizza un efficace esempio di collaborazione tra Amministrazioni locali, Anas e Silea, che porterà benefici alla mia Lecco e ai Comuni coinvolti. Un accordo che avrà anche risvolti positivi in chiave olimpica. La Strada Statale 36 sarà, infatti, una delle principali arterie d’accesso ai siti della Valtellina dei Giochi invernali. Averla in ordine e pulita, oltre che in sicurezza e in perfetta efficienza, è un segno doveroso di civiltà. Inoltre, rappresenta il benvenuto ideale alle migliaia di turisti e atleti che verranno a trovarci per Milano-Cortina 2026″.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia