Dpcm

Valtellina in zona arancione, poi rossa: cosa ci aspetta dal 7 gennaio?

Alcune anticipazioni riguardo alle prossime restrizioni atte a contenere il diffondersi del coronavirus.

Valtellina in zona arancione, poi rossa: cosa ci aspetta dal 7 gennaio?
Cronaca 04 Gennaio 2021 ore 09:20

Oggi, lunedì 4 gennaio 2020, la Valtellina e il resto d’Italia sono in zona arancione.

Zona arancione

Negozi aperti quindi e spostamenti nel proprio Comune consenti senza limitazione. Attenzione però: è possibile spostarsi fuori dal proprio Comune se la popolazione non supera i 5.000 abitanti, percorrendo una distanza “non superiore a 30 chilometri dai relativi comuni”: ma resta vietato recarsi nel capoluogo di provincia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Valtellina e Valchiavenna: bollettino di sabato 2 gennaio 2020

Esempi

Facciamo qualche esempio. Oggi, lunedì 4 gennaio 2021, se abito a Sondrio, posso uscire per fare un passeggiata sulla ciclabile ma attenzione: non posso uscire dal confine comunale arrivando fino a Castione. Per contro, se abito a Colorina (o comunque in un paese con meno di 5000 abitanti) posso uscire dal comune e muovermi per un massimo di 30 chilometri, posso andare a Castione (non posso arrivare a Colico ad esempio), ma nemmeno posso andare a Sondrio, che è città capoluogo.(Leggi qui nel dettaglio cosa è consentito fare e cosa invece resta vietato). Domani, martedì 5 gennaio e dopodomani, mercoledì 6 gennaio, saranno gli ultimi due giorni di zona rossa così come previsto dal decreto Natale. E poi?

Tra il 7 e il 15 gennaio

Chi pensava che dal 7 gennaio si tornasse al vecchio sistema a zone, con magari tutta l’Italia in “giallo”, resterà deluso. Il governo Conte sta studiando un provvedimento che proroghi le restrizioni tra il 7 e il 15 gennaio, la data in cui scadranno rispettivamente il decreto 172/2020 e il 158/2020 con il Dpcm 3 dicembre. Si tratta di una delle ipotesi discussa nell’incontro tra il presidente del Consiglio e i capidelegazione della maggioranza che sostiene l’esecutivo. Non si esclude che tale provvedimento contenga misure che saranno applicate a livello nazionale, superando il sistema delle zone. Il provvedimento potrebbe essere un decreto ministeriale o un’ordinanza del ministero della Salute, oppure un altro decreto legge come quello che ha portato alle restrizioni di Natale.

Anticipazioni

La mattina di domenica 3 gennaio si era ipotizzata la possibilità di varare una zona gialla rinforzata in tutta Italia con zona rossa o arancione nel week-end. Ovvero dal lunedì al venerdì mantenere le restrizioni della zona gialla e poi chiudere tutto il sabato e la domenica, mantenendo a seconda delle opzioni la possibilità di spostarsi all’interno dei comuni e i negozi (tranne bar e ristoranti) aperti negli ultimi due giorni della settimana. La scuola, come già comunicato, ripartirà dal 7 con il 50% di didattica in presenza.

Alternativa

Si potrebbe anche arrivare a decretare la zona rossa o arancione in alcune regioni: le candidate sono quelle con l’indice di contagio Rt più alto, ovvero Veneto, Liguria e Calabria, seguite da Lombardia, Puglia e Basilicata. L’ipotesi di cambiare i parametri di riferimento per dichiarare le aree gialla, arancione e rossa, ventilata nei giorni scorsi, richiederebbe invece tempo e troverebbe in ogni caso l’opposizione delle Regioni.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità