educazione

A Tirano “La città delle bambine e dei bambini” è dedicata all’educazione in omaggio a Gianni Rodari

Programma ricco di iniziative gratuite.

A Tirano “La città delle bambine e dei bambini” è dedicata all’educazione in omaggio a Gianni Rodari
Tiranese, 21 Novembre 2020 ore 07:47

 

Per il secondo anno l’Assessorato alla Cultura del Comune di Tirano con la Delegata all’Istruzione propone la rassegna “La città delle bambine e dei bambini” che quest’anno, complicato e difficile anche per i più piccoli, assume un particolare significato. Non a caso, dopo l’edizione dedicata al gioco, l’Amministrazione, ha voluto proporre un programma che richiamasse i valori dell’educazione con un omaggio allo scrittore e pedagogista Gianni Rodari.

100 anni

Al di là della ricorrenza dei 100 anni di questo grande maestro e amico del bambino, il riferimento alla “pedagogia rodariana” fondata sulla creatività del bambino diventa fonte di ispirazione in un periodo in cui il mondo dell’educazione è chiamato a forti sperimentazioni.

Sette attività

Il programma prevede sette attività, per lo più a distanza, a partire dalla mostra FIGURE PER GIANNI RODARI. Eccellenze italiane esposta online sul sito del Comune di Tirano per gentile concessione di Bologna Children’s Book Fair e Promozione culturale all’estero di Regione Emilia Romagna. Una mostra con le interpretazioni visive di 21 illustratori che accompagnano il lavoro di Gianni Rodari dagli anni ’60 alla contemporaneità. La mostra sarà consultabile online fino al 31 dicembre ma verrà anche allestita in forma itinerante anche nelle classi della Scuola Primaria.

Libriamoci a scuola

La lettura è una delle attività che ricorrono nel programma de “La città delle bambine e dei bambini” a partire dal programma LIBRIAMOCI A SCUOLA già partito il 16 novembre, con letture eseguite anche da Sindaco e Assessori nei cortili delle scuole, ai gemellaggi delle librerie tiranesi con le scuole di Tirano e della Provincia per l’iniziativa nazionale #IOLEGGOPERCHÉ .

Disegni e filastrocche

Ispirato dalle letture di Gianni Rodari, sarà anche il contest per piccoli artisti DISEGNI DI FAVOLE E FILASTROCCHE che invita bambine/i e ragazze/i della Scuola Primaria e delle Medie a realizzare un’illustrazione con tecnica libera da inviare via mail alla biblioteca. I lavori potranno essere inviati fino al 31 dicembre e gli originali verranno esposti durante il Maggio dei Libri nel 2021.

Favole al telefono

Le Favole saranno raccontate al telefono ai bambini a partire dai 4 anni dall’attore professionista Giorgio Galimberti che narrerà per circa 15 minuti alcune brevi favole dal libro di culto di Rodari. I genitori potranno prenotare le FAVOLE AL… TELEFONO, entro il giorno prima, telefonando o scrivendo alla biblioteca, indicando il numero di telefono al quale l’attore narrerà alcune brevi favole dal libro di culto per bambini. Le narrazioni al telefono sono in programma nei fine settimana (27-28-29 novembre e 4-5-6 dicembre) mattina, pomeriggio e anche un’ora alla sera per la “buona notte”.

Filastrocca dell’alfabeto

Sabato 28 e domenica 29 novembre pomeriggio la FILASTROCCA DELL’ALFABETO diventerà un laboratorio creativo online con l’illustratrice Chiara Armellini che poche settimane fa lo ha tenuto anche per i bimbi italiani residenti in Oman, nell’ambito della Settimana della Lingua Italiana. Potranno partecipare bambini dai 6 ai 10 anni che si cimenteranno con pennarelli e pop up.

Incontro sulla pedagogia

Rivolto agli adulti, insegnanti, educatori e genitori, ma anche semplici interessati alla pedagogia, lunedì 30 novembre sera si terrà online l’incontro A PARTIRE DAI BAMBINI. L’ESPERIENZA EDUCATIVA DI REGGIO EMILIA con le collaboratrici di Reggio Children, Paola Strozzi, pedagogista, e Lucia Colla, insegnante formatrice delle Scuole e Nidi d’Infanzia-Istituzione del Comune di Reggio Emilia. I Nidi e le Scuole dell’infanzia del Comune di Reggio Emilia costituiscono un esempio di fama internazionale e si offrono come luoghi di confronto pubblico, di cittadinanza attiva e di democrazia partecipata, in cui elaborare una nuova cultura dell’infanzia e dare voce ai diritti dei bambini. L’idea di educazione come bene comune e come diritto di ogni bambino si rinnova oggi in un periodo così difficile e inatteso, in cui i servizi educativi sono impegnati ad interpretare i vincoli posti dalle normative a tutela della salute di bambini e adulti, nella convinzione che l’educazione debba essere sempre in grado di leggere e interpretare i contesti storici, sociali, culturali in cui opera e in cui vivono i bambini.

Valore dell’educazione

«E’ stato un anno molto difficoltoso per le attività educative» commenta Camilla Pitino, consigliera delegata all’istruzione del Comune di Tirano «che ci ha resi ancora più consapevoli del valore enorme che l’educazione riveste per le nostre bambine e i nostri bambini. Per questo la rassegna doveva avere al centro un’idea appassionata di educazione come quella di Rodari e innovativa come l’esperienza di Reggio Children, una realtà conosciuta in tutto il mondo che potremo conoscere più a fondo il 30 novembre. Sicuramente una riflessione che continuerà il prossimo anno anche con Reggio Children». «E’ la prima rassegna culturale a distanza che realizziamo» dichiara l’assessora alla cultura Sonia Bombardieri «è una modalità ancora inusuale ma è anche un’opportunità per ampliare le nostre possibilità di fruizione. Sono contenta che abbiamo potuto “esporre” la mostra degli illustratori per Gianni Rodari, un omaggio molto bello completato anche dal laboratorio di Chiara Armellini che espone in mostra e che guiderà i bambini da Parigi».

Info e prenotazioni

Tutte le iniziative sono libere e gratuite.
Per informazioni, prenotazioni e iscrizioni, rivolgersi alla Biblioteca Civica Arcari:
Info: Biblioteca Civica Arcari Tirano 0342 702572 – biblioteca@comune.tirano.so.it
Programma completo sul sito: www.comune.tirano.so.it

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia