Cultura
L'iniziativa

La Provincia stanzia 200 mila euro per eventi culturali e scavi archeologici

Iacomella: "La pubblicazione di questi bandi è l’occasione per tornare a sostenere la cultura nel nostro territorio".

La Provincia stanzia 200 mila euro per  eventi culturali e scavi archeologici
Cultura Sondrio, 12 Gennaio 2023 ore 10:26

Due bandi per una valore complessivo di 200mila a euro a favore delle attività culturali. A stanziare le risorse, che riguardano progetti relativi a quest’anno, è la Provincia.

La Provincia stanzia 200 mila euro per eventi culturali e scavi archeologici

Il primo bando prevede il finanziamento di rassegne musicali, cinematografiche e teatrali, festival culturali e mostre organizzati da enti non-profit. I progetti dovranno avere una valenza provinciale, rilevabile dall’ampiezza della ricaduta e dall’interesse della proposta anche in relazione al programma di attività e alla levatura degli esperti coinvolti. Il contributo sarà di 20mila euro su una spesa minima di 40mila.

Il secondo è invece a favore degli enti locali che vorranno portare avanti attività archeologiche già avviate negli scorsi anni e prevede contributi di 20mila euro su una spesa minima di 30mila.

Nella valutazione delle domande sarà dato particolare peso al coinvolgimento dei giovani negli eventi culturali e, nel caso degli scavi archeologici, al collegamento con la ricerca universitaria e alle attività di divulgazione dei risultati. I bandi e la modulistica sono disponibili sul sito istituzionale provinciasondrio.it nella sezione Avvisi e le domande dovranno essere presentate entro il 3 febbraio 2023.

Il commento

«La pubblicazione di questi bandi è l’occasione per tornare a sostenere la cultura nel nostro territorio e incentivare enti locali e non-profit a investire energie e risorse in questo fondamentale settore - dichiara il consigliere delegato Omar Iacomella - E’ importante far sentire che la Provincia è al loro fianco e che crede in un rilancio delle nostre comunità legato al patrimonio e alle attività culturali».

Seguici sui nostri canali
Necrologie