Livigno inaugura la stagione invernale

Aquagranda chiude un anno di grandi numeri con 100mila visitatori

Livigno inaugura la stagione invernale
Cultura Alta Valle, 22 Novembre 2017 ore 16:28

Livigno guarda al futuro e progetta una tappa della Coppa del Mondo. Al via la stagione invernale.

Una grande capacità ricettiva

Il Piccolo Tibet capitale dello sport e dell’innovazione turistica della Valtellina. Con i suoi 15.000 posti letto, di cui 7.000 quantificati solo negli affittacamere, Livigno vanta una capacità ricettiva notevole con una proposta alberghiera varia e strutture adatte a tutte le esigenze. Dall’inverno all’estate, le occasioni per valorizzare il territorio e le sue peculiarità sono infinite. Da Aquagranda, punto di riferimento dell’active e del fun per le famiglie, passando dalla prestigiosa via dello shopping con i brand più noti, fino ai percorsi panoramici mozzafiato e alle magnifiche piste da sci, le occasioni per scegliere questo territorio per una pausa dalla routine di certo non mancano. «La stagione estiva è andata bene, soprattutto l’extraricettivo è molto forte. Il mercato italiano sta riprendendo, ma noi abbiamo la fortuna di puntare soprattutto all’estero - precisa il presidente Apt Luca Moretti -. Essere un passo avanti ai competitor oggi è fondamentale».

La neve naturale tutta la stagione

Ottime potenzialità che si rispecchiano sia a livello ricettivo che turistico in senso più generale. «Livigno ha la neve naturale per tutta la stagione. Questo è indubbiamente un punto di forza, da valorizzare assolutamente. Per la prossima stagione vorremmo ospitare una tappa di Coppa del Mondo di Sci. L’ideale sarebbe avere una data a novembre così da lanciare la stagione. Una tappa corta e spettacolare, magari uno slalom, ma anche un parallelo sarebbe un’ottima opportunità. La macchina organizzativa è già partita, non resta che pensare alle strutture per ospitare le squadre». Per la stagione estiva, invece, il futuro è sicuramente l’e-bike con percorsi sicuri e regolamentati per valorizzare ancor di più il territorio. «L’idea è quella di analizzare le caratteristiche di Livigno e capire cosa si aspetta il turista. Da li, il passaggio successivo è la creazione di una valorizzazione complessiva: dal mondo enogastronomico a quello sportivo capace di sottolineare le eccellenze territoriali. Vogliamo creare aspettativa e colpire il pubblico».

Aquagranda: sport, fun e wellness

Tra le eccellenze proprio il caso Aquagranda, un gioiello dedicato alle famiglie e ai più piccoli ma anche agli sportivi. «Aquagranda è un attitude training, wellness e family. Una bella realtà locale, un servizio aggiunto alla grande varietà di attrazioni livignasche. Parliamo di un investimento complessivo di 7milioni di euro tra restyling interno e progetti futuri sull’area esterna tradotto in 100mila visitatori nell’ultimo anno.

Necrologie