Musei e biblioteche aperti per la Notte della Ricerca

Appuntamento per il 28 settembre.

Musei e biblioteche aperti per la Notte della Ricerca
Sondrio, 25 Settembre 2018 ore 10:41

Il Comune di Sondrio aderisce all’iniziativa a livello europeo “Meet me Tonight – la notte della ricerca”, evento di divulgazione scientifica e intrattenimento promosso e finanziato dalla Commissione Europea nel quadro delle azioni Marie Curie, con lo scopo di favorire incontro e dialogo tra ricercatori e cittadini, valorizzando la cultura della ricerca.

Meet me Tonight – la notte della ricerca

Il giorno 28 settembre dalle ore 10 a Sondrio verranno predisposte le sale di Palazzo Pretorio in piazza Campello, dove saranno esposti degli stand a cura degli studenti del Corso di Scienze infermieristiche con sede a Faedo, Coldiretti, Fondazione Fojanini, istituto Itis Mattei , ed Eu Corner gestito da Europe Direct sede di Sondrio. All’iniziativa parteciperanno anche il Museo Valtellinese di Storia e Arte, il Museo mineralogico, la biblioteca Credaro e la Biblioteca Civica di Sondrio, che apriranno le loro porte ai visitatori e gratuitamente alle scuole di Sondrio. Presso l’istituto Mattei dalle ore 9 alle 11 si svolgerà una conferenza dal titolo “Laniakea, cieli incommensurabili – Il nostro posto nell’universo”, tenuta dal professor Claudio Bongini , introdotta dalla dottoressa Stefania Di Mauro del Dipartimento di medicina e chirurgia dell’università Bicocca.

Stand e laboratori

La manifestazione prevede anche l’installazione in piazza Garibaldi di un laboratorio gestito da ricercatori e studenti dell’Università degli Studi di Milano Bicocca dal titolo “Abbi cura di te!”, rivolto ad adulti e bambini, incentrato sulla promozione di stili di vita sani.
“Abbiamo aderito con entusiasmo a questo progetto, che riveste grande importanza anche in un’ottica di apertura all’Europa – commenta l’assessore a Cultura ed Istruzione del Comune di Sondrio, Marcella Fratta -. Riteniamo, come Amministrazione comunale, fondamentale il ruolo della ricerca scientifica, che deve essere supportata e promossa per un futuro migliore.E’ importante che si costituisca una dimensione europea nelle carriere scientifiche, con un maggior spazio dato alle donne nella ricerca, risvegliando l’interesse scientifico soprattutto tra i giovani”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia