Cultura

Nasim Eshqi incanta il Sondrio Festival

Presentato il libro sul valtellinese Alfredo Corti. Stasera sul palco Licia Colò e Alessandro Antonino.

Nasim Eshqi incanta il Sondrio Festival
Cultura Sondrio, 23 Novembre 2018 ore 15:43

Una freeclimber, ma prima di tutto una donna, che non rinuncia alla propria femminilità anche quando arrampica e indossa abiti sportivi. Ma guai a definirla femminista. “Semmai, sono un'umanista”.

Sul palco Nasim Eshqi

Ha parlato dei suoi rapporti con la cultura iraniana e con i suoi genitori, dell'amore per la montagna e per il provilegio di insegnare ai bambini: si è raccontata a tresentosessanta gradi Nasim Eshqi, free climber iraniana di fama internazionale, che ieri sera, nell'ambito della quarta serata del Sondrio Festival, è stata intervistata da Giancarlo Cattaneo di Radio Capital. Una serata davvero speciale, e il folto pubblico presente al Teatro Sociale, anche questa volta gremito all'inverosimile, ha ascoltato con attenzione e rispetto il racconto di Nasim, interrompendo la chiacchierata per applaudire l'incredibile storia di una donna che lascia il segno.

Essere donna non è facile

“In Iran essere una donna non è facile – ha esordito la 36enne - e se si cerca di perseguire i propri sogni è ancora più dura. E, donne o uomini, questo sport è considerata una perdita di tempo. Ho iniziato ad arrampicare a 23 anni, prima ho fatto altri sport, ho studiato l'equivalente delle Scienze Motorie qui in Italia, ed è nata la mia passione”. “Lo smalto sulle mie unghie – ha spiegato – serve a ricordare che sono una donna, sono femminile, anche se mi vesto in modo sportivo, anche quando arrampico. Non voglio agire o comportarmi
come un maschio. Mi piace, poi, vedere le mie unghie rovinate, perché significa che ho arrampicato. Ma non voglio sentirmi definire una femminista, non seguo alcun tipo di ideologia basata sul gender. Sono semplicemente un'umanista, poco importa che si parli di maschi o femmine, parliamo di esseri umani, e tale voglio essere considerata”.

Stimo distruggendo il pianeta

Un capitolo a parte, poi, quello del rapporto con la cultura iraniana e con la sua famiglia. “La mia famiglia non mi ha mai capito, continua a non capirmi e non mi capirà mai – ha proseguito Nasim Eshqi -. Mi chiedono perchè non mi dò da fare e non mi trovo un lavoro vero, perché non faccio qualcosa per il mio futuro e non mi compro una bella macchina. Ma per me in Iran non vedo un futuro fatto di un lavoro stabile, vivo alla giornata, faccio le esperienze vere, giro e conosco il pianeta”. Infine, qualche parola sull'ambiente e sulla salvaguardia della natura. “Non vorrei che pensaste che io sia negativa e pessimista, ma noi esseri umani non stiamo facendo altro che distruggere il pianeta - ha concluso -. L'ambiente e la natura sono ciò che ci circonda, dobbiamo cercare di far sì che siano puliti, puri, luoghi in cui vivere bene. Allo stesso tempo, anche la nostra mente deve esserlo”.

Malato di montagna

Ad accompagnare Nasim e il pubblico un traduttore d'eccezione: Luca Calvi, veneto di laguna trasferito a Milano. Traduttore, di formazione filologo-storico, con anni di docenza e ricerca universitaria alle spalle, conosce più di venti lingue dell'area dell'Europa Centro-Orientale. Si definisce “malato grave di montagna da sempre”, ha tradotto tra gli altri i libri di Mick Fowler, Simon Yates, Jerzy Kukuczka, Igor Koller, Franc Knez. Collabora da anni con Lab 80, il Trento Film Festival, il gruppo Gamma di Lecco: sul palco ha tradotto moltissimi alpinisti di punta, sempre dalle loro lingue madre. È il traduttore del Gogna Blog e per i convegni di Quo Climbis, con Reinhold Messner e per lui ha curato con Sandro Filippini per Rizzoli l'ultimo suo libro "L'Assassinio dell'Impossibile" dove grandi scalatori di tutto il mondo discutono sui confini dell'alpinismo.

Incontro con gli studenti

Nasim Eshqi, nella mattinata di ieri, ha incontrato i ragazzi della scuola primaria di Campovico, entusiasti dello speciale incontro. Dai ragazzi ai ragazzi. Infatti, ad aprire la quarta serata del Sondrio Festival, presentata dalla scopiettante Gigliola Amonini, il messaggio degli studenti dell'Eco School di Triangia: “Vorremmo comunicarvi – hanno scritto – che la natura è importante. Questa è la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Quest'anno il tema è quello dei rifiuti pericolosi, e noi abbiamo scelto di lavorare sull'olio esausto della cucina, per capirci quello che si usa per friggere le patatine, perchè c'è in tutte le case e molte persone non sanno che se si butta nel wc o nel lavandino blocca le fognature e rovina i filtri dei depuratori. Non va bene nemmeno buttarlo nel sacco nero, perchè una volta in discarica fuoriesce e può inquinare la falda acquifera. Se arriva ai fiumi, ai laghi, ai mari, provoca gravi danni, Per qusto chiediamo a tutti di impegnarsi per la raccolta differenziata di questo rifiuto pericoloso, e di portarlo nell'isola ecologica di via Samaden a Sondrio”.

Alfredo Corti. Dall'alpinismo alla lotta partigiana

Nel pomeriggio è stato inoltre presentato il volume “Alfredo Corti. Dall'alpinismo alla lotta partigiana” scritto da Raffaele Occhi. Edita da Beno, è la prima monografia dedicata ad Alfredo Corti (Tresivio 1880- Roma 1973), un valtellinese distintosi nella sua lunga vita come alpinista, scienziato, combattente e fotografo. Tanto fu stimato che una vetta, una cresta, un rifugio, un ghiacciaio e un insetto furono battezzati col suo nome. Il volume è frutto di anni di ricerche dello storico dell’alpinismo Raffaele Occhi, socio accademico del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

Maestri del cielo

Dopo la toccante intervista a Nasim Eshqi, spazio ai documentari in concorso. Il viaggio è iniziato dal Parco del Gran Paradiso e dalle Alpi francesi con il film “I maestri del cielo” di Anne e Erik Lapied . Due aquilotti vedono la luce nel cuore di una grande parete di roccia … Così comincia questa storia che ci porta alla scoperta della fauna di montagna. Grazie a dei sensi estremamente sviluppati l’aquila reale riesce a controllare i movimenti di marmotte, camosci e stambecchi, ad affrontare i propri simili, a regolare i conflitti con i concorrenti e a sopravvivere all’inverno. Ma un rapace di quasi tre metri di apertura alare, il gipeto, sorvola la valle, dove conta di insediarsi. Come potranno questi avvoltoi cacciatori di ossa condividere il territorio con l’aquila reale? Il documentario, girato nel corso di sette anni, racconta la vita dei maestri del cielo e ci conduce in una favolosa odissea aerea, nello splendore delle Alpi selvagge.

Macro Mondi – il prato degli orrori

Poi, spazio ai “Macro Mondi – il prato degli orrori”, documentario di di Lothar Frenz, prodotto e ambientato in Germania. Orrori, assassinii, morti violente e combattimenti mozzafiato con salvataggi all’ultimo minuto: se vi piacciono i film horror e i thriller questo documentario fa per voi! E dopo averlo visto saprete che uno dei luoghi più insidiosi è proprio il prato del vostro quartiere! Con lo stile e gli effetti del genere horror il documentario segue il viaggio di un famoso eroe con sei zampe, ali rosse e sette macchioline nere sul dorso, attraverso un prato apparentemente normale, ma pieno di mostri!

Sondrio Festival

E oggi ancora tanti appuntamenti in programma. Come sempre, i documentari verranno proiettati in replica alle 16.30. Poi, spazio alle premiazione del XII Concorso Letterario Renzo Sertoli Salis. Premio “Renzo Sertoli Salis” alla carriera, offerto dalla Fondazione Pro Valtellina, a Nanni Balestrini, poeta scrittore e saggista, nato a Milano nel 1935. Premio “Grytzko Mascioni” per la miglior opera di poesia, offerto dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, a Giancarlo Pontiggia, poeta, critico e scrittore nato a Seregno nel 1952, per la raccolta “Il moto delle cose” Mondadori editore. Premio “Camillo De Piaz” alla miglior opera di critica letteraria dedicata alla poesia, offerto dal Lions Club Sondrio Host, a Elisa Donzelli, studiosa di letteratura del Novecento, di poesia e traduzione poetica, nata a Torino nel 1979, per il volume “Giorgio Caproni e gli altri”.

Ospite Licia Colò e Alessandro Antonino

Sono due gli ospiti d'eccezione per la quinta serata di Sondrio Festival. Sul palco Licia Colò, conduttrice e autrice televisiva, nota al grande pubblico come presentatrice del programma di viaggi “Alle falde del Kilimangiaro”, che presenterà il suo nuovo programma “Niagara” in onda in prima serata su RAI2. Al suo fianco il marito, Alessandro Antonino, conduttore della rubrica “I viaggi di
Alessandro Antonino”, trasmissione televisiva “Il mondo insieme” TV 2000. Alessandro con i suoi reportage oltre a raccontare il mondo, accompagna i telespettatori alla scoperta delle bellezze del nostro Paese. Il tutto facendo attenzione al nuovo modo di viaggiare di oggi sensibile all’ecosostenibilità.

Documentari per il 23 novembre 2018

Ed ecco i documentari che verranno presentati questa sera.

LUPI BIANCHI – I FANTASMI DELL’ARTIDE
(White Wolves – Ghosts of the Arctic)
di Oliver Goetzl – Produzione: Gulo Film Productions per Doclights / NDR Naturfilm – Germania 2017 – Durata: 56 min. – Area trattata: Ellesmere Island, Nunavut, Canada Nel territorio più a nord del Canada si trova una remota e desolata wilderness dove pochi animali
sono abbastanza forti da sopravvivere: l’isola di Ellesmere. Il documentario segue un branco di lupi che lotta per crescere i cuccioli in questo ambiente implacabile e offre un sguardo su un mondo raramente visto prima, fatto di montagne innevate e di fiordi nella morsa del ghiaccio. Un branco di lupi è una famiglia estesa in cui ogni individuo deve collaborare alla sopravvivenza. Biancaneve e Alfa, madre e padre del branco hanno guidato la famiglia attraverso i gelidi e bui mesi invernali e ora affrontano una nuova sfida: crescere i cuccioli durante la breve estate artica.

LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL MONDO
(The World’s Most Famous Tiger)
di S. Nalla Muthu – Produzione: Natural History Unit India per National Geographic Channel – India 2017 – Durata: 44 min. – Area trattata: Ranthambhore National Park, Rajasthan, India Machli, la leggendaria tigre, regina del Parco Nazionale di Ranthambhore, nell’India occidentale, era conosciuta per la sua fiera determinazione e per il coraggio. Come nessun’altra tigre ha catturato l’immaginazione e i cuori dei fan delle tigri. Machli morì all’eccezionale età di quasi vent’anni, non prima di aver svolto un ruolo chiave nella rigenerazione della popolazione di tigri nei Parchi Nazionali di Ranthambhore e Sariska. Il film è una cronaca del viaggio di Machli dalla gioventù
alla morte, che, nel corso di nove anni, racconta le incredibili storie dietro la sua ascesa al potere, la sua straziante decadenza e la straordinaria eredità che ha lasciato. Infine Machli ci ha insegnato che proteggendo una tigre si può creare una foresta.

Seguici sui nostri canali
Necrologie